Betitaly Maglie in casa liquida le abruzzesi dell'Altino e vola in vetta

Dopo la sfuriata a Scafati la Betitaly ritrova il calore del suo pubblico. L'avversario è di quelli tosti. Le abruzzesi dell'Altino, infatti, stanno al passo delle magliesi in classifica

Foto: Mauro Tridici

Dopo la sfuriata a Scafati la Betitaly ritrova il calore del suo pubblico. L’avversario è di quelli tosti. Le abruzzesi dell’Altino, infatti, stanno al passo delle magliesi in classifica. La gara è tutta da bere. Le ospiti, infatti, partono con la rabbia in corpo, ma il diagonale della Colarusso stempera i bollenti spiriti. 3-4 e Kostadinova al servizio. Si torna alle sassate: da una parte Orazie Montechiarini si dannano l’anima. Dall’altra la Ferro comincia a prendere la mira. La sfida non annoia e le ospiti restano lì a dare fastidio.
Giandomenico chiama in panca sul 7-8. Ci sta. Non si perde tempo e si sta a braccetto. Turlà sbaglia al servizio e Altino ne approfitta. Il capitano salentino, però, rimette tutto apposto. Dall’altra parte, intanto, l’ex Montenegro non le manda a dire e tiene le sue in auge. E il punteggio si fa pericoloso sul 13-16. Cambio: fuori Ferro e dentro Escher. Ma resta sempre Montenegro la spina nel fianco destro. Intanto il Maglie torna a crederci e macina fino al 17-17.

Le ospiti accelerano nuovamente grazie a Spagnoli, ma il muro dellaKostadinova regala certezze. 21-21 e set tutto da scrivere. Time out per Altino. Il resto lo fa Colarusso. Thisis the end. Due bordate micidiali e via al secondo sul 25-21. Nel ritorno in campo il Maglie resta ad alti livelli e le ospiti soffrono. La solita Montenegro prova a dare morale, ma Colarusso è impeccabile e mantiene il più 2. Le chietine non demordono e si affidano alla
Spagnoli per risalire. Lo schiaffo della Kostadinova, però, risuona nel palazzetto e firma l’ 11-8. Spagnoli non trema e mette apprensione. Calisso firma l’ace del pareggio. Volley champagne. La Betitaly accelera sul più tre nonostante la grinta della Orazi. Altino traballa ed Escher brinda sul 19-15.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le avversarie mostrano nuovamente i denti e Montenegro trova il jolly al servizio per il 21-20. Non serve perché il Maglie si ricompatta e trova il filotto per il 24-21. Serve chiudere col botto: muro della Turlà. Via al terzo. Chieti scende in campo col piglio giusto e si viaggia a braccetto con la banda destra che si accende col duello Colarusso-Montenegro. Turlà, poi, regala il sorpasso alle teatine e Montechiarini ne approfitta per il 9-12. Le rossoblù restano solide e con un muro della Colarusso ritornano avanti sul 15-14. La Corna fa il resto e diventa insormontabile. 19-15 e time out per Chieti. La sculacciata serve e Altino sincronizza tutto fino al 20-20.Calma. Escher ha il guizzo al servizio, Kostadinova prima spreca poi mette la firma sul 24-23. Il finale è da applausi con l’ennesimo muro della Corna. Si vola, Maglie. Si vola.

Francesco Paglialonga - Ufficio Stampa Volley Maglie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento