rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Il pieno di ricordi

Barbas riabbraccia Baroni: e domenica rivive il sogno di Lecce-Torino

L'argentino ha fatto visita alla squadra guidata da colui che fu suo compagno in maglia giallorossa per due stagioni. E prima della partita riceverà con Pasculli una targa e una maglia celebrativa

LECCE - Compagni di squadra per due stagioni - dal 1987 al 1989 - Marco Baroni e Beto Barbas si sono riabbracciati questa mattina sul manto erboso del Deghi Center, a San Pietro in Lama, dove la squadra giallorossa stava iniziando la seduta di allenamento in vista della gara contro il Torino, in programma domenica alle 12.30.

In quell'occasione a Barbas e a Pasculli, che esordirono con il Lecce nel primo campionato di serie A nella storia del club giallorosso, saranno consegnate una targa e una maglia celebrativa. Al Torino, in qualche modo, è legato anche uno dei momenti di più straordinaria intensità vissuti dall'allora centrocampista argentino nel Salento: la vittoria per 3 a 1 nel 1989 che sancì la matematica salvezza dei salentini e la retrocessione dei granata in serie B. Dopo il vantaggio siglato da Benedetti, di testa, il raddoppio proprio di Barbas, nella ripresa, su punizione. Di Fuser il gol del Torino, poi Paciocco chiuse definitivamente i conti.

La settimana leccese di Barbas, che oggi ha 63 anni, è destinata quindi a finire col botto. In realtà Barbas si trova in Italia sin dalla vigilia di Inter-Lecce perché ospite dell'associazione Salento Giallorosso che lo sta coinvolgendo in numerose iniziative nei club dei tifosi e presso le scuole: mercoledì ha ricevuto in Comune una targa celebrativa.

Questa mattina Barbas è stato accolto dal direttore dell'area tecnica, Pantaleo Corvino, dal direttore sportivo, Stefano Trinchera, e da tutto lo staff tecnico. Dall'attuale capitano della squadra, Morten Hjulmand, ha ricevuto un pallone con le firme di tutti i calciatori presenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbas riabbraccia Baroni: e domenica rivive il sogno di Lecce-Torino

LeccePrima è in caricamento