rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Calcio

Coda convocato, ma il suo utilizzo dipende da un provino a poche ore dal match

Vigilia di turno infrasettimanale di campionato: per la trasferta a Ferrara convocati in 23, mancano Tuia e Vera. Rientra Gargiulo nella formazione di partenza

LECCE - Dopo un allenamento di rifinitura senza forzature, per Coda rimane un altro test da superare prima di sapere se e come potrà essere impiegato contro lo Spal: una sorta di test che l'attaccante farà durante il risveglio muscolare che attende il Lecce domattina a poche ore dalla sfida sul campo della Spal (ore 20.30). L'ipotesi più probabile, suffragata da Baroni nella conferenza stampa della vigilia, è che il capocannoniere del torneo vada in panchina e che si ricorra al suo utilizzo solo se strettamente necessario. 

Torna invece tra gli undici di partenza Gargiulo: il tecnico dei giallorossi ha fatto capire che il centrocampista ha assorbito quei fastidi muscolare che, comparsi prima contro il Parma poi contro il Frosinone, hanno consigliato un turno di quasi riposo (una ventina i minuti giocati) contro la Ternana. Ci potranno essere variazioni rispetto all'ultima uscita per quanto riguarda le caselle dei terzini: Gendrey si candida al rientro e anche per Gallo ci possono essere spiragli. L'allenatore del Lecce, precisando che dal suo punto di vista Calabresi ha fatto una buona gara, ha ricordato che Barreca sta ritrovando una continuità di impiego che gli mancava da troppo tempo e che il suo è stato più un appannamento mentale che fisico: "Anche nell'ottica delle gare ravvicinate è possibile che ci sia un avvicendamento in quei ruoli - ha chiosato - perché abbiamo dei ragazzi che io considero titolari. Lo ripeto sempre: avere più giocatori sullo stesso livello che ti mettono in difficoltà al momento delle scelte è importante, al di là della prestazione più o meno opaca che un calciatore può offrire".

Baroni: "Ora spingere sull'acceleratore"

Da qui alla sosta invernale mancano sei partite e quella di Ferrara è solo la prima di un filotto che si chiuderà in casa contro la Cremonese il 29 dicembre (primo turno di ritorno). Si tratta di un passaggio cruciale del campionato, anche in considerazione della sessione di mercato di gennaio: "Non faccio mai una tabella di marcia, anche se per tanti motivi saranno le gare più importanti perché anticipano i trasferimenti. Non mi piace dire che siano delle finali ma ci possono mettere nella condizione di alzare ancora l'asticella per cui dal punto di vista della prestazione non possiamo sbagliare. Ora che anche il campionato sta assumendo una certa forma, con il ritorno di squadre che all'inizio si erano attardate, dobbiamo spingere forte sull'acceleratore".

Sull'avversario di turno, l'allenatore del Lecce ha detto: "Incontriamo una squadra con valori importanti. Hanno faticato un poco all'inizio, ma è un campo sempre difficile. Loro vengono da un vittoria fuori casa, noi dobbiamo essere bravi a ridurre al minimo gli errori, prestare attenzione nelle due fasi e avere il piglio della squadra che vuole prendersi punti pesanti. Questo è un atteggiamento che dobbiamo avere sempre, in casa e fuori, con grande rispetto per gli avversari".

Da Ferrara le parole di Clotet

La Spal sarà priva di Vicari e Viviani, pedine molto importanti fermati dal giudice sportivo, ma potrà contare su Mancosu e almeno parzialmente su Rossi, decisivo a Cosenza, alla sua seconda presenza con la maglia degli estensi. Mister Clotet ha avuto parole di grande considerazioni per la squadra giallorossa, ritenendola in questo momento diretta verso la promozione. E su Strefezza, che l'allenatore si è visto portare via praticamente da sotto gli occhi, il tecnico spagnolo ha detto: "Mi sarebbe piaciuto averlo ancora con noi, per me aveva un grande valore. Sapevo che sarebbe potuto andar via in ragione delle difficoltà del club. Un attimo prima di partire per il ritiro Valoti mi ha detto che sarebbe stato ceduto. Mi sono convinto che almeno avrei potuto contare su Strefezza e Di Francesco come esterni per fare il calcio che avevo in testa. E io mi sono dovuto adattare. Ora noi dobbiamo essere molto concentrati sul presente, aiutare la società in questo anno molto difficile per tutti e porre le basi per il futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coda convocato, ma il suo utilizzo dipende da un provino a poche ore dal match

LeccePrima è in caricamento