rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Calcio

Dermaku illude il Lecce, Bisoli lo punisce: per i giallorossi a Brescia un pari giusto

I salentini, al nono risultato utile di fila, si portano in vantaggio al minuto 81 con il difensore di origine albanese, subentrato all'infortunato Lucioni. Tuttavia, per un allineamento non perfetto della difesa, vengono ripresi all'87'

LECCE - Accarezza la vittoria proprio quando i padroni di casa sembravano poter portare dalla propria parte l'inerzia della gara, ma poi si deve accontentare su quella che è probabilmente l'unica vera distrazione della formazione di Baroni durante tutto il match. Il Lecce pareggia a Brescia per 1 a 1 e il risultato è frutto di un match equilibrato per numero di occasioni, spigoloso e tattico. 

Con Bleve al posto dell'acciaccato Gabriel e Meccariello a far coppia con Lucioni, il Lecce parte e chiude bene la prima frazione, con tre chiare occasioni da rete: al 6' la traversa di Strefezza con un tiro di sinistro dal limite dell’area, al 43’ l’estremo bresciano Perilli riesce a deviare in corner una conclusione dell’esterno giallorosso indirizzata sul primo palo e, proprio allo scadere, Coda, di testa, chiama il portiere del Brescia a un complicato intervento. Da parte dei padroni di casa solo alcuni tiri che Bleve controlla agevolmente.

A inizio ripresa sono invece i bresciani a sfiorare il vantaggio con Bertagnoli al 49’: Bleve allontana col pugno un traversone e il pallone arriva sui piedi del centrocampista che calcia di collo pieno, ma il portiere del Lecce con un gran tuffo riesce a deviare sul fondo. Con un gran parata il secondo di Gabriel entra a pieno titolo nel match. Al 53’ Bisoli tira sul primo palo, Bleve è sempre attento: sugli sviluppi del calcio d'angolo Chancellor schiaccia di testa a la sfera, dopo aver rimbalzato, va oltre la traversa.

Al minuto 63’ mister Inzaghi si gioca la carta Palacio, 39 anni tutti di esperienza, per Jagiello. Brescia vicinissimo al gol al 68’ ma il tiro ravvicinato di Bisoli incrocia la respinta istintiva con il piede di Bleve che colleziona così la seconda perla di giornata. Spalek per Tramoni, Bajic per Moreo: Inzaghi prova con forze fresche a prendersi la partita. Tre minuti dopo entra Dermaku al posto di Lucioni, fermato da un problema al retto fermorale destro, e c’è anche l’avvicendamento tra Majer - molto buona la sua prestazione - e Bjorkengren. Mateju rischia qualcosa anticipando il suo portiere di testa per rifugiarsi in corner e subito dopo il cross di Barreca pesca nel cuore dell'area di rigore il centrale albanese, rimasto in area a seguito dell'esecuzione del calcio piazzato: prevalendo su due avversari Dermaku trova di testa il guizzo vincente.

È il minuto 81, Inzaghi si ritrova sotto e spedisce subito in campo Olzer per Bertagnoli e Karecic per Mateju, mister Baroni risponde con Olivieri per Di Mariano. Tatticamente c'è poco da dire, è un tentativo di assedio e in effetti il Brescia trova il pari all’87: la difesa del Lecce risale non perfettamente allineata e Chancellor, tenuto in gioco da Meccariello e lasciato completamente da solo, colpisce di testa mandando il pallone sul palo alla destra di Bleve. Il rimbalzo diventa un assist per Bisoli che controlla e calcia deciso in porta. I padroni di casa, non paghi del risultato, spingono per conquistare il bottino pieno, il Lecce attende per ripartire: Coda è in off side quando scatta verso Perilli e poi lo supera con un tocco morbido che rotola in porta. L'assistente di linea segnala all'arbitro Irrati la posizione irregolare dell'attaccante. Azione controllata da Maggioni al Var e punteggio che resta sull’1 a 1.

Gli scatti dal Rigamonti per LeccePrima (A.Scuro)

Le rondinelle, prima della chiusura, hanno ancora una buona opportunità: al 90’ Spalek si incunea bene tra le maglie del Lecce e anticipando di testa Bleve in uscita, manda il pallone abbondantemente al lato. Il triplice fischio del direttore di gara arriva al quinto minuto di recupero: c'è appena il tempo di rifiatare perché lunedì si ritorna in campo, alle 15, contro il Cosenza. I giallorossi, in qualunque modo si andrà definendo la decima giornata (sotto i risultati intanto maturati), restano nella zona interessante di una classifica che resta molto corta.

Il tabellino di Brescia-Lecce 1 a 1

BRESCIA (4-3-2-1): Perilli; Mateju (83' Karacic), Chancellor, Cistana, Pajac; Bertagnoli (83' Olzer), van de Looi, Bisoli (cap.); Jagiello (63' Palacio), Tramoni (73' Spalek); Moreo (73' Bajic). A disposizione: Joronen, Mangraviti, Huard, Linner, Cavion, Andreoli, Papetti. Allenatore: Inzaghi

LECCE (4-3-3): Bleve; Gendrey, Lucioni (cap.) (76' Dermaku), Meccariello, Barreca; Majer (76' Bjorkengren), Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Di Mariano (85' Olivieri). A disposizione: Borbei, Gabriel, Vera, Bjarnason, Calabresi, Vera, Blin, Listkowski, Rodriguez. Allenatore: Baroni

Marcatori: 81' Dermaku, 87' Bisoli

Ammoniti: 85' Hjulmand

Arbitro: Irrati di Pistoia; assistenti: Prenna di Molfetta, Mondin di Treviso; quarto ufficiale: Curru di Cagliari

Var: Maggioni di Lecco; assistente Var: Affatato di Verbania-Cuneo-Ossola

La decima giornata

Risultati: Cosenza-Ternana 3 a 1; Vicenza-Monza 1 a 1; Alessandria-Frosinone 1 a 1; Ascoli-Spal 0 a 1; Brescia-Lecce 1 a 1;  Perugia-Reggina 0 a 2; Como-Pordenone 1 a 0; Crotone-Benevento 0 a 2; Cremonese-Pisa 1 a 1; Cittadella-Parma 1 a 2.

Classifica: Pisa 21; Benevento, Reggina 19; Brescia 18; Lecce e Cremonese 17; Frosinone 15; Perugia, Ascoli, Monza, Cosenza 14; Spal, Parma, Ternana, Como, Cittadella 13; Alessandria 8; Crotone 7; Vicenza 4; Pordenone 2.

Le pagelle: Bleve, che partita!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dermaku illude il Lecce, Bisoli lo punisce: per i giallorossi a Brescia un pari giusto

LeccePrima è in caricamento