rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Manovre al comando

Sticchi Damiani azionista di maggioranza. Fissate le date del ritiro

Rilevando le quote di De Picciotto, il presidente del Lecce destinato ad attestarsi al 55 percento. Staff e squadra si ritrovano in sede il 23 giugno, poi dall'1 al 15 luglio a Folgaria

LECCE - Il passo indietro di René De Picciotto era nell'ordine delle cose, lo si era capito da tempo. Adesso, però, è anche più definito lo scenario prossimo venturo in casa Lecce: il presidente Saverio Sticchi Damiani, attualmente detentore del 24 percento del pacchetto azionario, è destinato ad attestarsi al 55 rilevando le quote dell'attuale azionista di maggioranza. Il resto della compagine è noto con Corrado Liguori, i fratelli Carofalo, Alessandro Adamo e poi gli ultimi arrivati, la famiglia Barbetta e il gruppo Collardi-Picci-Sariatmaadja con il 10 percento rispettivamente.

Il disimpegno di De Picciotto è frutto di una valutazione personale maturata nei mesi, anche rispetto alle sue strategie complessive ma, certamente, l'epilogo della sua partecipazione alle sorti del club leccese non è stato dei migliori: durante la premiazione che si è svolta dopo la gara con il Pordenone, decisiva per la promozione in A, ha ricevuto una bordata di fischi. Il pubblico presente allo stadio non aveva infatti gradito alcuni passaggi di un'intervista rilasciata a pochi giorni dal fondamentale match contro il Pisa nella quale segnalava le difficoltà economiche del club.

La conferma in una nota del club

La conferma del passaggio delle quote azionarie è arrivata nel pomeriggio con una nota del club che indica nell'1 luglio la data per la formalizzazione del contratto di cessione già stabilito, a un “a un prezzo pari all’investimento compiuto”. Non ci sono ulteriori dettagli ma l'importo dell'operazione dovrebbe aggirarsi tra i 6 e i 7 milioni di euro. 

Nel comunicato la società esprime un sentito ringraziamento all'azionista uscente: “Dopo aver contribuito, insieme a tutti i soci, allo sviluppo della società, sia in termini finanziari, sia di esperienza imprenditoriale, Renè De Picciotto ha ritenuto che questo fosse il momento migliore per farsi da parte. La serie A appena conquistata e l'ingresso di nuovi soci hanno creato le condizioni ideali perché la società potesse affrontare questo passaggio di consegne in modo sereno e senza alcun contraccolpo. L'augurio di Renè De Picciotto è che i soci che hanno egregiamente gestito la società fino a questo momento possano, insieme ai nuovi soci, proseguire nel raggiungimento di ulteriori ambiziosi traguardi sportivi.”

Stabilito il programma per la squadra

Ancora due settimane di vacanza e poi, per giocatori e staff tecnico del Lecce sarà di nuovo tempo di duro lavoro per prepararasi alla prossima stagione agonistica in serie A. 

È stato, infatti, comunicato dal club il programma delle prossime settimane: ritrovo giovedì 23 giugno alle 19 e dal giorno successivo visite mediche al Centro Biolab di Cutrofiano. Da sabato 25 a giovedì 30 agli ordini di mister Baroni e dei suoi collaboratori la squadra svolgerà, al Deghi Center di San Pietro in Lama, una fase preliminare al ritiro vero e proprio che sarà dall'1 al 15 luglio a Folgaria, la stessa località che ha ospitato i giallorossi la scorsa estate. La comitiva alloggerà all'Alpen Hotel Eghel e si allenerà al centro sportivo "Mauro Marzari".

Sono state fissate anche le date - 5, 9 e 15 luglio - per tre gare amichevoli: il nome degli avversari sarà comunicato successivamente. Nel periodo tra il rientro nel Salento e l'inizio del campionato, previsto per il 14 agosto, potrebbe essere disputato anche un test match contro una squadra della Liga: l'ipotesi è al vaglio del club di via Costadura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sticchi Damiani azionista di maggioranza. Fissate le date del ritiro

LeccePrima è in caricamento