rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Calcio

I rigori costano cari all'Ugento: in semifinale ci va il Sava

Tre errori alla lotteria dei rigori costano il passaggio in semifinale dell'Ugento

UGENTO – L’Ugento saluta la Coppa Italia Eccellena causa la sconfitta contro il Sava ai rigori, al termine di due doppie sfide terminate entrambe in parità e a reti bianche. Confronto al match d’andata in cui a farla da padrone fu il vento, ieri in territorio tarantino i grandi protagonisti di giornata sono stati i due portieri, entrambi capaci di rubare la scena con degli ottimi interventi. Ciononostante lo 0-0 complessivo al termine dei 180’ ha costretto le due formazioni a giocarsi il passaggio del turno alla lotteria dei rigori, dove l’Ugento ha avuto la peggio causa tre penalty sbagliati.

Al 12’ primo acuto del match di marca tarantina, con un tiro da fuori di un effettivo in maglia nera che viene deviato in angolo da Leopizzi. Al 19’ arriva la concreta reazione dei salentini, Galeandro riceve dal limite dell’area e calcia dopo un primo controllo: traiettoria che scende e scheggia la traversa. Dopo fasi di grande equilibrio, l’ultima grande chance della prima frazione arriva al 34’ quando un calciatore savese a tu per tu con l’estremo ugentino si fa ipnotizzare, gettando al vento la più grande chance del match.

Ripresa che si apre con una grandissima occasione per l’Ugento: Chirivi in solitaria si invola e arriva in area, serve Escobedo che spalle alla porta si gira e calcia, serve un miracolo del portiere per salvare il Sava. Al 14’ sul fronte opposto Giammaruco riceve in area e, tutto solo, tenta il tiro al volo che termina ampiamente al lato. Altro gran bell’intervento di Leopizzi al 25’ sulla forte punizione di Procida, l’esperto portiere si distende e conserva la parità Nonostante la veneranda età il portiere dei salentini compie un altro miracolo al 34’, quando De Gregorio tira a sorpresa dai trenta metri e costringe l’estremo a rifugiarsi in angolo con un intervento plastico.

Alla lotteria dei rigori ad aver la meglio è il Sava che ringrazia il proprio portiere Maraglino, eroe di giornata che, oltre ad i miracoli a gara in corso, para ben tre rigori alla lotteria dagli undici metri. L’unica realizzazione di Carrozzo a nulla serve agli ospiti causa gli errori di Lopez prima, Cicerello poi ed infine Marconato. Termina così il percorso in Coppa Italia Eccellenza dell’Ugento che dice addio al sogno semifinale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I rigori costano cari all'Ugento: in semifinale ci va il Sava

LeccePrima è in caricamento