rotate-mobile
Ha segnato finora 7 gol

Krstovic promuove la cura Gotti: “Dal mister nuove energie, le abbiamo sfruttate”

Prima la conferenza stampa di Krstovic, poi l’allenamento a porte aperte terminato con la spinta degli Ultrà Lecce. Ma la salvezza potrebbe maturare ancor prima di giocare con l’Udinese

LECCE – Rispetto alla tabella di marcia che si era assegnato a inizio campionato, Nikola Krstovic è rimasto un po’ indietro: aveva indicato il suo obiettivo stagionale, infatti, in 15 gol ma, quando mancano tre partite al termine del campionato, ne ha all'attivo 7.

“Per me sono nove – ha detto in conferenza stampa riferendosi alle altre due marcature che sono state classificate come autogol –. Mi ero dato un obiettivo più ambizioso, ma viste le difficoltà del campionato 10 tutto sommato possono andare bene”.

Ha ragione a ritenersi soddisfatto, anche perché la prima stagione di Krstovic in Italia è stata complessivamente positiva. Con mister D'Aversa ha realizzato cinque gol in 26 presenze, ma con l’arrivo in panchina di mister Gotti e con l'adozione del 4-4-2, il  24enne montenegrino è palesemente confortato dalla presenza e dall'assistenza di un compagno di reparto: “Il mister mi ha detto di sentirmi libero, di giocare come so fare. Ci ha dato nuove energie, le abbiamo sfruttate al meglio”.

Uno degli aspetti in cui Krstovic sta dimostrando un veloce processo di maturazione è quello caratteriale. Non è un caso che Gotti lo abbia elogiato, al termine della partita di Cagliari dove non sono mancati momenti di nervosismo, con le frequenti perdite di tempo dei rossoblu quando erano in vantaggio: “Penso di essere cresciuto anche mentalmente - ha riconosciuto -. A Cagliari ero in diffida, non volevo saltare una partita così importante come quella con l’Udinese. Sapevo che sarebbe arrivata la mia occasione per fare gol, mi sono concentrato su quello. Prima mi innervosivo più spesso, anche con gli avversari. Da giovane avevo qualche problema con gli arbitri, prendevo molti cartellini”.

Dopo la conferenza stampa Krstovic ha raggiunto i compagni per l’allenamento al Via del Mare, che si è svolto a porte aperte alla presenza di un centinaio di tifosi; Sansone ha continuato a lavorare a parte, mentre Gendrey è rientrato in gruppo. Sul finire della seduta sono arrivati anche gli Ultrà Lecce che hanno preso posto nel settore da sempre occupato e fatto sentire la loro voce, accompagnati da un grande e storico striscione. 

IMG-20240509-WA0024

Basta un punto, per avere il conforto della matematica, ma già domenica, prima ancora di scendere in campo (lo farà lunedì alle 18.30), il Lecce potrebbe ritrovarsi salvo: dipenderà dal risultato delle dirette concorrenti. 

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Krstovic promuove la cura Gotti: “Dal mister nuove energie, le abbiamo sfruttate”

LeccePrima è in caricamento