rotate-mobile
Calcio

Marco Baroni non accetta l’accordo annuale, addio al Lecce dopo due stagioni

Vani sono stati gli incontri con il mister della promozione dalla B e della salvezza in A. Era stato proposto un incremento della parte economica ad allenatore e staff

LECCE – Dopo la scalata, l’addio. Il salto dalla serie B al massimo campionato, seguito da una sudata salvezza nella rocambolesca penultima gara stagionale in quel di Monza, resterà nel ricordo di tutta la tifoseria come uno dei momenti più esaltanti della rinascita giallorossa. E tuttavia, Marco Baroni ringrazia la società, ma non accetta il rinnovo del contratto con base annuale.

Si chiude – forse un po’ in anticipo sui tempi, ma era nell’aria – un ciclo che ha visto il tecnico toscano riuscire nell’impresa di portare alla salvezza il Lecce in serie A guidando la formazione più giovane del campionato e puntando sostanzialmente su una solidità difensiva che ha consentito di porre spesso un argine anche davanti alle formazioni più titolate.    

È lo stesso club presieduto da Saverio Sticchi Damiani ad annunciare la separazione. “A seguito degli incontri intervenuti tra la società e l’allenatore Marco Baroni e il suo agente – recita una nota stampa –, si comunica che le parti non hanno trovato un’intesa per proseguire il rapporto contrattuale in scadenza il prossimo 30 giugno”.

La società di via Colonnello Costadura aveva proposto al mister di proseguire il rapporto per un altro anno, come aveva ampiamente preannunciato nell’ultima conferenza stampa il direttore tecnico Pantaleo Corvino, secondo una linea guida che “ci siamo imposti per tutte le categorie e tutte le nostre compagini” (quindi, anche per le formazioni giovanili). All’allenatore e al suo staff il sodalizio aveva proposto un incremento della parte economica. Ma non vi è stato accordo. Ed è un rapporto, spiegano dal club, che “si chiude con grande serenità”.

Curiosa l’epopea di Baroni, che in sostanza replica da allenatore quanto già fatto da calciatore. Nella stagione 1987-88 scese in B, per giocare con il Lecce all’epoca allenato da Carletto Mazzone. Ottenne la promozione e poi la salvezza in serie A. Anzi, qualcosa di più, visto che il Lecce arrivò nono in classifica. A fine campionato, poi, si accasò al Napoli. Mentre per quanto riguarda l’attualità, voci di mercato darebbero Baroni vicino al Verona. E ora che le strade si dividono, inizia il “bello”. Bisognerà ricreare una formazione all’altezza delle aspettative, partendo proprio da chi dovrà guidarla dalla panchina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marco Baroni non accetta l’accordo annuale, addio al Lecce dopo due stagioni

LeccePrima è in caricamento