rotate-mobile
Mercoledì, 29 Novembre 2023
Calcio

Il Nardò ferma la capolista in casa: contro il Cerignola termina 2-2

Decisiva la ripresa con quattro reti che definiscono il finale pareggio tra neretini e ofantini

NARDÒ – Secondo risultato utile nel giro di quattro gironi e risposta più che significativa del Nardò alle dirette concorrenti: al “Giovanni Paolo II” la formazione di De Candia ferma la capolista Cerignola sul 2-2, in una sfida ricca di emozioni.

A un bel primo tempo privo di gol, segue una ripresa che vede due squadre più ciniche che alla fine si dividono la posta in palio con le reti in ordine di Tascone, Mengoli, Malcore e Caputo. Il Nardò sale a quota 26 punti, equivalenti però alla penultima piazzain attesa delle gare da recuperare.

Inizia meglio il Cerignola che si rende pericoloso nei primi minuti di gara con Strambelli prima  e Malcore poi: mira imprecisa di entrambi e palla al lato. La reazione del Nardò non tarda ad arrivare e su punizione di Caputo di testa colpisce De Giorgi, Trezza senza affanno blocca. La grande occasione dei padroni di casa arriva a metà tempo, quando Rollo non trattiene un tiro da fuori di Strambelli, sulla ribattuta Sirri si fa murare dal portiere granata, poi Giacomarro a porta sguarnita spedisce incredibilmente sul fondo. Niente più acuti e squadre negli spogliatoi con punteggio invariato.

La ripresa si apre con il vantaggio ofantino, quando su un calcio piazzato Sirri tocca sul secondo palo dove Tascone, lasciato tutto solo, di testa insacca lo 0-1. Il vantaggio però dura poco meno di un quarto d’ora, con il pari neretino che arriva sugli sviluppi d’angolo: palla scodellata sul secondo palo, in spaccata Mengoli insacca alle spalle di Trezza il momentaneo 1-1.

Dopo un’ora di gioco il Cerignola è costretto a giocare in dieci accausa del doppio giallo rifilato a Sirri, ma ciononostante sono proprio i gialloblù a passare nuovamente in vantaggio: rinvio nella zona di nessuno, Achick lancia Malcore che dopo aver scavalcato Rollo trova l’1-2. Il Nardò reagisce con Puntoriere che calcia dal limite dell’area senza fortuna, poi ci prova Caputo da dentro l’area, la traiettoria deviata è facile presta dell’estremo ofantino. Infine, su tiro di Cancelli Manzo allarga il braccio e tocca la sfera, episodio che porta al rigore in favore del Nardò: dagli 11 metri è impeccabile Caputo che sigla il gol del definitivo 2-2.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Nardò ferma la capolista in casa: contro il Cerignola termina 2-2

LeccePrima è in caricamento