rotate-mobile
Calcio

Pareggio del Nardò a Cerignola: 1-1 in extremis

Il gol di De Giorgi nel finale permette ai neretini di dar seguito alla vittoria di domenica scorsa contro il Lavello

NARDÒ – Pari per 1-1 tra Cerignola e Nardò al “Monterisi”, con le formazioni che si dividono la posta in palio al termine di una sfida piacevole. A guidare i granata nella seconda sfida dell’era De Candia è l’allenatore in seconda Massimo Manca, causa l’espulsione rimediata nel match contro il Lavello dal tecnico appena arrivato. Un punto prezioso per i neretini che fermano una delle formazioni più forti e in forma del girone.

Gli ofantini premono sull’acceleratore nel primo tempo, ma ad animare fin dai primi secondi la gara sono gli ospiti: un errore di Tricarico in uscita vede Puntoriere calciare in area a tu per tu con l’estremo avversario, la palla termina sull’esterno della rete. Ma al primo affondo sono i padroni di casa a trovare il vantaggio: Achick si conquista un calcio di punizione dai 25 metri e lo trasforma con una bella parabola sul primo palo. Il Nardò alza il baricentro ed i padroni di casa trovano maggior spazio per attaccare. Azione convulsa del Cerignola sugli sviluppi d’angolo, Manzo si trova il pallone tra i piedi a pochi metri dalla porta avversaria e spara alto una sorta di rigore in movimento. Su una sbavatura di De Giorgi Mincica ne approfitta e calcia dal vertice destro dell’area, trovando però la risposta del portiere dei salentini. Al 30’ reazione del Nardò: su calcio piazzato Puntoriere pizzica in mischia ma Tricarico è attento e fa sua la sfera. Al 33’ due tiri deviati portano gli ospiti a recriminare per un presunto tocco di mano in area di rigore, il direttore di gara non è dello stesso avviso e lascia proseguire. Al 45’ Mileto perde palla a campo aperto su pressing di Malcore, l’ex Carpi arriva a tu per tu con Petrarca ma si fa ipnotizzare.

Nei primi scorci della ripresa il Nardò rischia molto, con un cross di Dorval che viene deviato da Mileto verso la propria porta, con ottimo riflesso di Petrarca che avita il peggio. Altra grande chance per gli ofantini poco dopo, con Tascone che riceve in area tutto solo e calcia al lato. Il Nardò reagisce, ma il diagonale del solito Puntoriere lambisce il palo. Malcore, non in giornata, riceve da Mincica e tira alto dall’interno dell’area. Al 41’ sugli sviluppi d’angolo Tricarico buca l’uscita e capitan De Giorgi di testa trova il gol che vale l’1-1. Nel finale il tentativo residuo del Cerignola si racchiude tutto in un brutto colpo di testa di Palazzo, con la sfera che termina ampiamente al lato dalla porta difesa da Petrarca.

“Sapevamo di affrontare una grande squadra ricca in organico di elementi di categoria superiore – commenta il trainer dei neretini Manca al termine della sfida del Monterisi -. Quello visto in campo è un grande Nardò, e nel finale siamo stati premiati per quanto fatto. Siamo partiti fin da subito in svantaggio e abbiamo speso il doppio delle energie per tenere botta. Non era assolutamente facile amministrare la gara contro un avversario del genere, siamo stati bravi a crederci fino alla fine e ci portiamo a casa questo importante punto”.

Il primo risultato utile stagionale per il Nardò fuori dalle mura amiche dà seguito al positivo risultato contro il Lavello di domenica scorsa e permette di mettere un altro punto in cascina: sono 8 quelli raccolti fino a oggi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pareggio del Nardò a Cerignola: 1-1 in extremis

LeccePrima è in caricamento