Domenica, 26 Settembre 2021
Calcio

Virtus Matino, in attesa del primo match in D dopo 28 anni: cantiere aperto sul fronte mercato

Il ritorno in Serie D a 28 anni dall'ultima volta vede ancora al timone la famiglia Costantino: Inguscio lavora in silenzio per puntellare la rosa a 16 giorni dal primo appuntamento ufficiale

MATINO – A due settimane circa dal primo atto del campionato di Serie D 2021/22 la provincia di Lecce si presenta ai nastri di partenza con tre squadre, tutte molto probabilmente inserite nel girone H. Parliamo delle blasonate Casarano e Nardò, realtà concrete della categoria da anni, alle quali ci si è aggiunta la Polisportiva Virtus Matino dopo la netta vittoria della finale play-off di Eccellenza contro il Trinitapoli per 5-0 dello scorso 27 giugno.

Una favola quella del Matino che a 28 anni di distanza dall’ultima apparizione nella massima competizione del calcio dilettantistico è pronta a confrontarsi con un nuovo campionato, al termine di un quinquennio straordinario che li ha visti ottenere cinque promozioni consecutive e dunque proiettati in pochissimo tempo dalla Terza Categoria alla Serie D. Risultato di un lavoro encomiabile da parte di tutte le componenti societarie, oltre che di quelle tecniche alternatesi nel corso delle stagioni. Ma il lato più bello è quello che accomuna l’attuale compagine salentina con quella che tre decenni fa calcava i medesimi palcoscenici, in quanto i risultati conseguiti erano, e lo sono tutt’ora, frutto del sacrificio economico e dell’amore della famiglia Costantino verso il movimento calcistico cittadino. Prima il padre che nel corso del suo ciclo arrivò addirittura ad un passo dalla C2, ora la figlia Cristina che tornando in quello che ai tempi del babbo si chiamava campionato “Interregionale” sogna di potersi confermare, e magari di poter superare anche il padre. Ovvio che al momento l’obiettivo dichiarato è quello di salvarsi e continuare la positiva esperienza, ma i sogni, in quanto tali, permettono di aprire uno spiraglio verso qualcosa di più grande, anche se nel lungo periodo.

Si tratta pertanto della prima apparizione del Matino nei massimi ranghi dilettantistici nel corso del XXI secolo. Rimanendo in chiave “prime volte”, parliamo anche della primissima esperienza di mister Giuseppe Branà in Serie D: dopo le due promozioni consecutive con i biancoblù la società ha deciso di riconfermarlo sulla panchina. Una mossa azzardata ma al contempo astuta, in quanto vede impegnato in un ruolo di prim’ordine una figura che seppur ignara dell’attuale categoria conosce meglio di tutti l’ambiente e, fattore di fondamentale importanza, il gruppo squadra. Ebbene sì, perché la formazione leccese al contrario di quanto spesso accade in casi analoghi, ha deciso di confermare lo zoccolo duro che due mesi fa ha terminato il campionato di Eccellenza con il massimo risultato, evitando di fare bagni di sangue. Stiamo dunque parlando di conferme, nel dettaglio quella del capitano Damian Salto seguito a sua volta da Marin, Giambuzzi, Poleti, Conte e Ruibal. A questi nomi sono state affiancate diverse giovani pedine giunte in quel di Matino a seguito di importanti accordi con realtà importanti del nostro calcio (Lecce su di tutte).

Nonostante le ultime comunicazioni ufficiali risalgano ormai allo scorso 28 agosto, la compagine salentina ha nelle scorse settimane resi noti i primi due finali della stagione. Anche se non ufficiali hanno entrambi messo alla prova il gruppo allenato da Branà, che dopo un pareggio per 1-1 contro il Lecce Primavera nella prima uscita (non ufficiale) della stagione, il 26 luglio si è imposta per 2-0 contro l’Ugento (Eccellenza) grazie alle reti di Ruibal e del giovane Ancora acquistato a titolo temporaneo dal Lecce. Attualmente la rosa, per questioni numeriche, non risulta completa ma l’inizio del campionato per il quale ci vorranno ancora 16 giorni permette al diesse Inguscio di lavorare con criterio nel tentativo di pescare le giuste carte, per far sì che questa stagione non funga da comparsa, bensì come affermazione di una realtà calcistica concreta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Virtus Matino, in attesa del primo match in D dopo 28 anni: cantiere aperto sul fronte mercato

LeccePrima è in caricamento