rotate-mobile
Calcio

Lecce perfetto, tre gol al Sassuolo e permanenza in A dietro l’angolo

Nel primo tempo i gol di Gendrey e Dorgu, nel secondo quello di Piccoli. Sassuolo inguardabile, i giallorossi non sbagliano praticamente nulla e centrano una vittoria che può valere il campionato

REGGIO EMILIA - Con una vittoria netta per 3 a 0 il Lecce vince in trasferta lo scontro diretto con il Sassuolo e si porta a quota 35 punti, avvicinandosi ulteriormente al traguardo della permanenza in serie A.

Dopo il successo sull’Empoli, quello in terra emiliana, al termine di una prestazione autorevole che ha visto la squadra salentina svolgere con applicazione il compito tattico assegnatole da Gotti e dimostrare una costante attenzione nelle marcature e nel mantenimento delle distanze tra i reparti.

Primo tempo

Lecce schierato con il 4-4-2: è Rafia il prescelto per sostituire Ramadani e affiancare Blin. Al 6’ corner di Oudin sul primo palo, stacco del capitano giallorosso e palla poco oltre la traversa. Al minuto 11 Oudin sceglie il secondo palo, questa volta su calcio di punizione e Gendrey è bravo a prendere il tempo a Thorstvedt e schiacciare in porta senza che Consigli possa interferire.

Al 15’ gli ospiti trovano il raddoppio: Pongracic dalla sua trequarti lancia Gallo che mette subito al centro dove Dorgu di prima intenzione batte Consigli, ma la dormita di Erlic sulla penetrazione del giovane danese è clamorosa. È ancora festa sotto la curva occupata da circa 4mila tifosi del Lecce alle spalle del portiere dei neroverdi.

Il Sassuolo si fa vedere attorno alla metà della frazione, più per qualche incertezza dei salentini che per meriti propri: al 24’ respinto da Baschirotto il tentativo di Defrel, sugli sviluppi dell’azione Pinamonti colpisce di testa, Falcone battezza fuori la sfera e la traiettoria gli dà ragione, anche se di poco.

Il Lecce va vicino alla terza marcatura sul finale di tempo: Erlic si oppone a un diagonale di Piccoli, poi Oudin su assist dell’attaccante, molto bravo a liberarsi sul fondo, manca clamorosamente lo specchio della porta.

Secondo tempo

I padroni di casa rientrano dagli spogliatoi con Doig per Viti, Volpato per Bajrami e Mulattieri per Defrel con la speranza di risalire la china, ma la partita resta nel solco tracciato nel primo tempo.

Al 55’ Gotti manda in campo Gonzalez per Rafia - non male la sua prestazione in mezzo al campo - e al 60’ il Lecce trova il terzo gol: lettura difensiva di Pongracic in anticipo su Mulattieri, appoggio a Krstovic che mette Piccoli in condizioni di vincere lo sprint con Ferrari e superare Consigli con un tocco che passa tra le gambe del portiere.

Lipani per Thorstvedt, questo il cambio di Ballardini al minuto 65. Il Lecce dà l’impressione di essere pericoloso ogni volta che punta la porta avversaria: Consigli salva sulla percussione di Piccoli al 66’, poi smanaccia su tiro cross di Oudin al 99’. Al 71’ Falcone para a terra un colpo di testa di Mulattieri, due minuti dopo ci prova Pinamonti con una conclusione potente ma non abbastanza precisa.

Il film della partita (foto A. Scuro)

Alla mezzora Berisha prende il posto di Dorgu, Sansone quello di Piccoli. Nello spezzone finale di gara il Lecce concede qualche ulteriori metro ai padroni di casa serrando ancora di più i ranghi nella propria metà campo, ma Consigli deve comunque fare la sua parte bloccando un tiro di Krostovic. Baschirotto decisivo al minuto 83 nel mettere in curva un pallone servito da Toljan che aspettava solo di essere spinto in rete da Mulattieri.

Le ultime sostituzioni di Gotti vedono al minuto 84’ l’ingresso di Pierotti e Venuti per Krstovic e Gendrey, mentre con il cambio Ceide per Laurienté il Sassuolo si gioca l’ultimo slot a disposizione. I minuti di recupero concessi da Doveri sono solo due, ma fossero anche stati venti non sarebbe cambiato nulla: la superiorità del Lecce è stata indiscutibile.

Il tabellino di Sassuolo-Lecce 0 a 3

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Erlic, Ferrari (cap.), Viti (46' Doig); Matheus Enrique; Thorstvedt (65' Lipani); Defrel (46' Mulattieri), Bajrami (46' Volpato), Laurienté (84' Ceide); Pinamonti. Allenatore: Ballardini

LECCE (4-4-2): Falcone; Gendrey (84' Venuti), Pongracic, Baschirotto, Gallo; Oudin, Rafia (55' Gonzalez), Blin (cap.), Dorgu (75' Berisha); Krstovic (84' Pierotti), Piccoli (75' Sansone). Allenatore: Gotti

Marcatori: 11’ Gendrey, 15’ Dorgu, 60’ Piccoli

Ammoniti: 20’ Lauriente

Arbitro: Doveri; assistenti: Rossi, Scatrigli; quarto ufficiale: Santoro

Var: Pairetto; assistente Var: Irrati

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecce perfetto, tre gol al Sassuolo e permanenza in A dietro l’angolo

LeccePrima è in caricamento