rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Calcio

Solido e attendista, il Pisa vince con un tiro contro un Lecce evanescente

Il big match all'Arena Garibaldi deciso di un gran gol di Sibilli al 58'. I nerazzurri lasciano ai salentini il controllo del match, ma gli ospiti patiscono tanto l'assenza di Coda e non riescono quasi mai a finalizzare in maniera incisiva

LECCE - Finisce all'Arena Garibaldi di Pisa la striscia positiva del Lecce, prolungatasi per 15 giornate. La squadra di Baroni perde per 1 a 0 una partita chiaramente impostata da D'Angelo sul gioco di rimessa e su un misto di aggressività e fallosità che ha interrotto chirurgicamente certe giocate dei salentini, con Orsato  - tra i migliori arbitri al mondo - abbastanza indifferente rispetto alla strategia pisana. 

Un pareggio, a dirla tutta, sarebbe stato il risultato più logico e giusto ma una volta in svantaggio bisognerebbe pur segnare, cosa che il Lecce non è stato in grado di fare perché, gira e rigira, il rapporto tra possesso palla e qualità delle finalizzazioni si è rivelato troppo carente. Il gol di Sibilli, gran tiro dal limite dell'area, ha messo a nudo più i demeriti dei salentini che i pregi dei nerazzurri, il cui calcio speculativo, fisico e dipendente dai calci piazzati, si sta dimostrando oltremodo redditizio.

Il Pisa quindi se la gode, legittimamente, rilanciando la posta dopo la vittoria del Brescia e Ferrara che era valsa alle rondinelle il momentaneo primo posto. Per il Lecce, invece, un terzo posto in condivisione con Monza e Benevento che rientrano di gran carriera nelle primissime posizioni. 

Primo tempo

Il Pisa parte con un atteggiamento guardingo, lasciando l’iniziativa a Lecce. I giallorossi però rischiano subito grosso per un malinteso tra Hjulmand e Gabriel che consente a Mastinu di trovare uno spiraglio per provare a scavalcare l’estremo con un pallonetto che, per fortuna dei giallorossi, termina al lato.

La prima sostituzione della gara arrova al 20’ con Sibilli che prende il posto proprio di Mastinu, infortunato. Al 24’ Olivieri sbaglia i tempi dell’inserimento e su cross basso di Gendrey invece di allungare il pallone verso la porta, di fatto lo allontana e la porta pisana si salva.

Poi ci sono due episodi dubbi sui quali la decisione di Orsato, e il check di Abisso (Var), non premiano il Lecce. La manata di Masucci a Lucioni, al minuto 26, appare nient’affatto involontaria mentre al 38’ il tocco di Beruatto con l’avambraccio, su cross di Gendrey, avrebbe quantomeno meritato una verifica al monitor da parte dello stesso Orsato.

Secondo tempo

La ripresa si presenta con lo stesso canovaccio della prima frazione con il Lecce che prova a tessere le sue trame e il Pisa pronto a pungere. Al 54’ le proteste dei padroni di casa per un intervento di Gendrey su Beruatto, in area e al limite del fallo, vengono neutralizzate da una precedente posizione di off-side del terzino, ma dopo tre minuti i toscani trovano il vantaggio: Lucioni commette un fallo del tutto inutile su Masucci sulla trequarti e sugli sviluppi del calcio piazzato di Beruatto Gendrey allontana di testa al limite dell’area dove Sibilli controlla in due tempi, prepara il tiro e lo esegue alla perfezione. La sfera si insacca nel sette, Gabriel non può farci nulla.

Trovato il gol, la squadra di D’Angelo puntella la propria metà campo quasi in maniera ossessiva. Gallo e Rodriguez prendono il posto di Barreca e Di Mariano (61’) perché Baroni vuole più dinamismo, ma è nella finalizzazione, negli ultimi 16 metri che i salentini si perdono e certo non può l’ingresso di Listkowski (79’) per Olivieri dare quella consistenza che manca, anche a livello fisico (dentro anche Helgason per Majer). D'Angelo, che al 65' aveva spedito in campo Marsura e Lucca per Masucci e Lucca per Gucher (ammonito), dispone i suoi praticamente tutti dietro la linea della palla.

Al 76’ bella discesa di Gallo, cross di esterno e Gargiulo stacca bene ma il suo colpo di testa è troppo centrale. I pisani approfittano di qualche spazio che, col passare dei minuti, inevitabilmente il Lecce concede: Nagy al 78’ serve Sibilli che in corsa calcia ma senza centrare lo specchio della porta. Al minuto 81’ è Strefezza, certamente il migliore tra i giallorossi e probabilmente anche dell’intera gara, a rendersi pericoloso ma il suo tiro dal limite viene deviato appena oltre la traversa.

Sul finale di gara spazio anche a Calabresi per un esausto Gendrey. Dopo quattro minuti di recupero Orsato comanda la fine delle ostilità. Il Lecce tornerà in campo lunedì 20 al Via del Mare contro il Vicenza.

All'Arena Garibaldi il secondo ko del Lecce (foto A.Scuro)

Il tabellino di Pisa-Lecce 1 a 0

PISA (4-3-2-1): Livieri; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto; Touré, Nagy, Mastinu (20’ Sibilli); Gucher (cap.) (65’ Lucca), Marin; Masucci (65’ Marsura). A disposizione: Berra, Hermannson, Cohen, Quaini, Dekic, Di Quinzio, Cisco, Piccinni. Allenatore: D’Angelo

LECCE (4-3-3): Gabriel; Gendrey (84' Calabresi), Lucioni (cap.), Dermaku, Barreca (61’ Gallo); Majer (79' Helgason), Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Olivieri (79’ Listkowski), Di Mariano (61’ Rodriguez). A disposizione: Bleve, Samooja, Meccariello , Bjarnason, Bjorkengren, Blin,  Burnete. Allenatore: Baroni

Marcatori: 58' Sibilli

Ammoniti: 17’ Hjulmand, 21’ Gucher, 29’ Barreca, 50’ Nagy, 77’ Majer, 88' Calabresi, 92’ Lucca

Arbitro: Orsato di Schio; assistente: Giallatini Roma 2 e Preti di Mantova; quarto uomo: Bitonti di Bologna.

Var: Abisso di Palermo; assistente Var: Galletto di Rovigo

La 17esima giornata

Risultati: Cremonese-Crotone 3 a 2; Ternana-Benevento 0 a 2; Cittadella-Ascoli 2 a 0; Monza-Frosinone 3 a 2; Spal-Brescia 0 a 2; Pordenone-Cosenza 1 a 1; Pisa-Lecce 1 a 0; Parma-Perugia (domenica alle 14); Vicenza-Como (domenica alle 16.15); Reggina-Alessandria (domenica alle 20.30)

Classifica: Pisa 35; Brescia 33; Lecce, Benevento e Monza 31; Cremonese 29; Cittadella 28; Ascoli 26; Frosinone e Perugia 25; Ternana e Reggina 22; Como 21, Spal 20; Parma 19; Cosenza 16; Alessandria 14; Crotone e Pordenone 8; Vicenza 7.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solido e attendista, il Pisa vince con un tiro contro un Lecce evanescente

LeccePrima è in caricamento