rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Calcio

Sticchi Damiani chiama il pubblico a raccolta e lancia un monito a Rodriguez

A fine gara, oltre a mister Baroni, si è presentato in sala stampa anche il presidente del Lecce con l'obiettivo di veicolare due messaggi molto chiari

LECCE – Doppio sospiro di sollievo per il Lecce a fine partita: l’emergenza dovuta agli improvvisi episodi influenzali è stata quasi del tutto superata e alla fine è arrivata anche una vittoria meritata, per 3 a 1, contro un avversario, il Cosenza, che arrivava nel Salento forte di 14 punti (di cui però uno solo conquistato in trasferta).

Baroni: "Veniamo da un periodo di crescita"

L’allenatore del Lecce, che di questa partita conosceva tutte le insidie anche per le difficoltà della vigilia, ha così commentato la partita: “Veniamo da un periodo di crescita, anche oggi abbiamo creato tanto. Il 3 a 1 ci sta quasi stretto, purtroppo in altre gare non siamo stati altrettanto attenti come oggi nei momenti della rifinitura del nostro gioco. Siamo arrivati a questa gara con tante difficoltà, ho portato in panchina giocatori che ho rivisto solo stamattina dopo l’attacco influenzale. Il mio obiettivo è avere 16, 17 titolari, in grado di avere lo stesso livello tecnico e mentale: ci arriveremo".

Il tecnico fiorentino, sollecitato sulle prestazioni individuali, soprattutto di chi fino a oggi aveva trovato poco spazio, ha spiegato: “Arturo (Calabresi, ndr) è un modello di professionalità e sta dando un contributo importante, a dire il vero in allenamento più che in partita perché lo sto penalizzando nelle scelte. John (Bjorkengren, ndr)  è molto ricettivo, sta imparando in fretta: ha fatto esattamente quello che volevo, coi tempi giusti. Bello il gol di Massimo, finalmente ha attaccato la porta, lui che è bravo a fare i gol complicati. E devo dire bravo anche a Blin. Il mio obiettivo è avere 16, 17 titolari, in grado di avere lo stesso livello tecnico e mentale. Ci arriveremo, qualcuno ha ancora la frenesia di ricevere palla addosso”.

Baroni non ha, tuttavia, nascosto il suo disappunto per la rete subita: "Abbiamo regalato un gol e non deve accadere: siamo diventati superficiali, poi ci sono anche gli avversari".

Il presidente: "La squadra merita un pubblico più numeroso"

In sala stampa si è presentato anche il presidente del club giallorosso, Saverio Sticchi Damiani. Un fatto insolito, ma motivato con la necessità di rendere pubbliche un paio di considerazioni: "Ci tenevo a dire che lo stadio lo sentiamo desolatamente vuoto - questa la prima -, la sensazione non è bella. Per 90’ si sente la tifoseria ospite, rumorosa, festante. Noi ci sentiamo un poco soli, pur ringraziando quelli che ci sono sempre stati finora. Non entro nel merito delle scelte dei ragazzi della Curva Nord, che sono rispettabili, perché manca una presenza in tutti i settori. La squadra merita il sostegno della piazza. Ho parlato con i soci, vedremo di adottare qualche iniziativa per ritoccare i prezzi".

E poi l'avvertimento: "Basta messaggi via social"

In seconda battuta il numero uno del club ha fatto riferimento a un tema che sta riemergendo dopo aver agitato le acque nella scorsa stagione. Sticchi Damiani non nomina mai Rodriguez, ma non ci vuole molto a capire che il presidente si stia riferendo proprio al giovane attaccante spagnolo: "La società tutta merita maggiore fiducia rispetto alla gestione di singoli giocatori. Abbiamo parlato troppo di certe posizioni: sia chiaro che per andare in campo con questa maglia bisogna meritarlo negli allenamenti e nei comportamenti. Da parte nostra c'è intransigenza totale rispetto all’uso dei social, con i quali si veicolano spesso messaggi criptici, dico non dico: forse è un'usanza ereditata da giocatori che erano qui l'anno scorso. Tutti sopravvivono anche senza questa tecnica, si allenano e, quando meritano, vanno in campo. Se qualcuno paga in termini di sanzioni o di minutaggio, è il prezzo di certi atteggiamenti. La società non lo fa volentieri, ma è un passaggio necessario specie con una rosa giovane. Bjorkengren per due mesi è rimasto ai margini ma non ha detto una parola: ecco, lui rappresenta il prototipo di giocatore da Lecce".

rodriguez-5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sticchi Damiani chiama il pubblico a raccolta e lancia un monito a Rodriguez

LeccePrima è in caricamento