Domenica, 20 Giugno 2021
Sport

A Catanzaro Braglia scopre il lato oscuro del Lecce: i calabresi ribaltano il risultato

Nel primo tempo il vantaggio dei salentini con Doumbia, ma Giampà pareggia a inizio ripresa. L’esterno francese colpisce un palo, ma una sfortunata deviazione di Cosenza al 77’ su respinta di Perucchini regala una vittoria insperata ai padroni di casa

Il Catanzaro ha appena segnato il secondo goal.

CATANZARO - Il Lecce manca la quarta vittoria consecutiva e invece ritrova gli spettri che lo hanno accompagnato nella scorsa stagione. La sconfitta di Catanzaro per 2 a 1 è la conseguenza di un combinato di errori, sia tecnici che di approccio. Il risultato è la resurrezione calcistica di una squadra che nonostante la vittoria odierna è ancora ultima in classica seppur in compagnia del Matera.

I giallorossi scivolano a sei punti dalla vetta, appannaggio della Casertana, ma più della classifica pesa lo sviluppo di un secondo tempo iniziato con il pareggio di Giampà al primo minuto e terminato con un’occasione sciupata malamente da Carrozza con il portiere Grandi fuori causa. Tra i due estremi molte ammonizioni e una sola altra occasione con un diagonale di Doumbia al minuto 85.

Era stato proprio il francese, al 16’ a portare in vantaggio i giallorossi indovinando una conclusione dal limite dell’area di rigore. Il Lecce ha però commesso l’errore di non spingere per chiudere la partita, ma di proteggersi innanzitutto con un abbassamento del ritmo, facendo sì che i padroni di casa arrivassero all’intervallo con la consapevolezza di potercela ancora fare.

E nella seconda frazione gli uomini di Erra sono andati oltre le più rosee previsioni, mettendo in difficoltà i salentini con una maggiore velocità e una determinazione che il Lecce, spiace dirlo, non ha avuto. Certo, anche la fortuna ha voltato le spalle al Lecce se è vero che il goal decisivo è arrivato al 77’ da un rimpallo della sfera, respinta di pugno da Perucchini, sul volto di Cosenza. Dieci minuti prima Doumbia aveva colpito un palo con un tiro da ottima posizione all’interno dell’area di rigore su passaggio di Lepore.

I cambi ordinati da Braglia sono stati affatto risolutivi: tra Surraco, entrato al 64’ per Vecsei, Freddi (stesso minuti per Curiale) e Carrozza (78’ per Cosenza), l’unico a salvarsi è stato solo il primo. Il difensore, che pure aveva disputato buone gare dopo il suo esordio in giallorosso, è in una fase negativa che non risparmia nemmeno l’esterno gallipolino.

Il tecnico del Lecce forse aveva avuto dei sentori in settimana, tanto da sottolineare la delicatezza della trasferta in terra calabrese nella conferenza stampa della vigilia. Se perdiamo, aveva detto, avremo vanificato quanto di buono fatto. E così è stato. Nella Catanzaro che tante soddisfazioni gli ha regalato da calciatore prima e da tecnico poi, ha scoperto il volto oscuro del Lecce, mettendoci del suo.

Il tabellino di Catanzaro-Lecce 2 a 1.

CATANZARO : Grandi, Bernardi, Squillace, Giampà Ricci, Moi, Foresta, Maita, Razziti (84' Ingretolli), Taddei, (72' Caruso), Mancuso (63' Agodirin). A disposizione: Scuffia, Orchia, Sirigu, Priola, Caselli, Fulco, Barillari. Allenatore: Erra

LECCE: Perucchini, Lepore, Legittimo, Vecsei (64' Surraco), Cosenza (78' Carrozza), Gigli, Doumbia, Suciu, Moscardelli, De Feudis, Curiale (64' Freddi). A disposizione: Bleve,  Liviero, Lo Bue, Diop Pessina, Abruzzese, Camisa, Monaco. Allenatore: Braglia.

Marcatori: 16' Doumbia, 46' Giampà, 77' autorete Cosenza
Ammoniti: 8' Bernardi, 19' Lepore, 54' Ricci, 57' Suciu, 58' Cosenza, 61' Gigli, 65' Maita, 83' Surraco.
Arbitro: Morreale di Roma 1; assistenti: Pepe e Vingo

Risultati: Ischia-Foggia 1 a 1; Cosenza-Casteli Romani 2 a 0; Melfi - Messina 0 a 2; Matera-Juve Stabia 0 a 0; Benevento-Paganese 1 a 0; Catania - Akragas 1 a 1; Monopoli-Andria 0 a 0; Casertana- Martina 2 a 0; Catanzaro-Lecce 2 a 1
Classifica: Casertana 21, Messina 19, Foggia 18, Benevento 17, Cosenza 17, Lecce e Akragas 15, Paganese e Andria 13, Juve Stabia 12, Monopoli e Ischia 11, Matera e Catanzaro 8

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Catanzaro Braglia scopre il lato oscuro del Lecce: i calabresi ribaltano il risultato

LeccePrima è in caricamento