menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Liverani nella gara a Livorno (foto Andrea Masini per Lecceprima).

Liverani nella gara a Livorno (foto Andrea Masini per Lecceprima).

Il Lecce all'esame del Cittadella, Liverani mette in guardia i suoi

La formazione veneta, che era partita con tre vittorie consecutive, ha perso nelle ultime due uscite. Per il tecnico dei giallorossi molte le opzioni da valutare

LECCE – Il peggior avversario che potesse capitare al Lecce in questo momento del campionato è il Cittadella. Sembra una fase fatta, una di quelle che si usano in ambito calcistico contro qualsiasi avversario per tenere alta la concentrazione, ma il ragionamento di Fabio Liverani non fa una grinza.

L’allenatore del Lecce, nella conferenza alla vigilia del match, ha ricordato che difficilmente in serie B una squadra sbaglia tre partite consecutive, soprattutto se si tratta di una compagine organizzata e ben attrezzata. E tale certamente è la formazione di mister Venturato che lo scorso anno – non va dimenticato – è stata eliminata dal Frosinone nella semifinale dei play-off: “Ammiro il Cittadella sia per l’organizzazione che per il rendimento: ogni anno cambiano molti giocatori ma mantengono sempre lo stesso impianto e lo stesso entusiasmo”. Tra l'altro i veneti erano partiti molto forte, con tre successi nelle prime tre gare.

Dopo la vittoria a Livorno dunque, per i salentini arriva dunque una prova di maturità nella terza partita in una settimana. Un risultato positivo, ovviamente, darebbe ancora più sostanza alle ultime due vittorie. Il tecnico romano frena: “Siamo ancora alla sesta giornata e bisogna pedalare, prendere le cose positive sapendo che anche a Livorno qualcosina abbiamo regalato, penso tra l’altro all’occasione di Diamanti che è una di quelle situazioni che non possiamo concederci. Ne abbiamo parlato, proprio quando si vince si possono toccare alcune corde”.

Liverani ha confermato la linea del turn-over, almeno parziale, anticipando che ci saranno alcune novità rispetto alla squadra schierata in Toscana. Tutti gli uomini a sua disposizione sono in buone condizioni è la possibilità di scelta è ampia in tutti i reparti come ha confermato proprio la gara di Livorno dove l’inserimento di Tabanelli dal primo minuto è stato premiato con una prestazione all’altezza. Liverani ha motivato quella scelta con la volontà di contrastare la fisicità del Livorno e ha raccontato un retroscena che riguarda il calciatore ravennate: “In ritiro si è presentato già in condizione perché ha lavorato per conto proprio in un centro specializzato, voleva farsi trovare pronto dopo un lungo periodo difficile. Nemmeno lui ancora sa le potenzialità che ha, quelle che si vedono dai test sulla resistenza”.

Questione format della B: rinviata la decisione

Il Tribunale federale nazionale, cui è stata rimessa la questione legata al format del campionato e agli eventuali ripescaggi, si è riunito oggi e non si pronuncerà prima di lunedì. Sono cinque le pretendenti al rientro dalla finestra nel roster della serie B – Catania, Novara, Pro Vercelli, Siena e Ternana. Le ultime avevano chiesto una sospensione in attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato (dopo la bocciatura al Tar).

Prima ancora che si conoscesse l'esito dell'udienza, Liverani era stato sollecitato sulla questione: "Il mio pensiero lo avevo espresso all’inizio: non si può arrivare a ottobre pensando di inserire nuove squadre e altre partite. Sinceramente non riesco a capire qual è l’ultimo grado di giudizio, la fine di questa storia. Per me la questione si era chiusa con il pronunciamento del collegio di garanzia del Coni, non è più un pensiero che mi sfiora altrimenti farei fatica a fare il mio lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento