Giovedì, 24 Giugno 2021
Sport

Moscardelli punta a testa bassa i play-off: "Le chiacchiere ora stanno a zero"

Il bomber giallorosso ha all'attivo 12 reti, ma da quando è arrivato mister Bollini in panchina è andato a segno solo una volta, su rigore. Il centravanti si assume le sue responsabilità e rilancia: "C'è ancora tempo per raggiungere l'obiettivo. Pensiamo a vincerle tutte"

Davide Moscardelli in conferenza stampa.

SQUINZANO – L’umiltà di Davide Moscardelli parte dall’ammissione delle proprie responsabilità: aver segnato un solo goal, e per altro su rigore, nelle sette partite della gestione Bollini è una circostanza che gli pesa. Lo fa capire in conferenza stampa, poco prima del penultimo allenamento, svolto come di consueto a porte chiuse per definire gli ultimi dettagli per la partita contro l’Aversa Normanna, formazione di bassa classifica. Di quelle, si intende, che hanno azzoppato il cammino del Lecce in questo campionato in maniera quasi irreversibile. E se c’è ancora una speranza di arrivare ai play-off sta nel ridurre a zero il margine di errore.

“Noi adesso pensiamo solo a vincerle tutte – ha commentato il bomber giallorosso – anche a costo di fare meno possesso, ma dobbiamo buttarla dentro”. Per tutto il torneo, di fatto, è stato l’unico vero centravanti della squadra e questa solitudine gli è valsa le attenzioni “speciali” dei difensori avversari, che costantemente agiscono in due per cercare di limitarne le sortite. Probabilmente, la vicinanza di un compagno di reparto lo avrebbe messo in condizioni di maggiori libertà di movimento, ma, ha chiosato l’attaccante, in questo momento “le chiacchiere stanno a zero”.

Arrivato a Lecce dopo una lunga e prolifica carriera, Moscardelli si è detto oggi contento della scelta che ha fatto, nonostante i piani non siano andati come previsto: “Mi sono rimesso in discussione e credo di aver fatto anche delle buone cose. Sono venuto qui con l’idea di riportare con il mio contributo questa società nel calcio che conta e c’è ancora tempo per raggiungere l’obiettivo e ricambiare l’affetto che mi è stato riservato in questa città”.

Capristo all'Elite Round con l'Under 17

Andrea Capristo, giovane attaccante del vivaio giallorosso, è stato convocato del tecnico della squadranazionale italiana Under 17, Bruno Tedino, per l’Elite Round del Campionato europeo, in programma in Germania, il 21 marzo a Wetzlar contro l’Ucraina, il 23 a Marburg con la Slovacchia e infine di nuovo a Wetzlar, il 26, contro i padroni di casa. La chiamata è arrivata al termine del raduno di preparazione a Cecchini di Pasiano, in provincia di Pordenone, dal 12 al 19 marzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moscardelli punta a testa bassa i play-off: "Le chiacchiere ora stanno a zero"

LeccePrima è in caricamento