Sport

Padalino rispetta la Virtus Francavilla: "Ci sono tutte le insidie del caso"

Il Lecce, dopo il pareggio con la Vibonese, vuole ritrovare davanti al suo pubblico i tre punti. Mentre il Foggia farà visita alla Juve Stabia

Pasquale Padalino e il suo vice Sergio Di Corcia.

LECCE - "Ci sono tutte le insidie del caso". La chiosa della conferenza stampa di mister Padalino alla vigilia della gara tra il suo Lecce è la Virtus Francavilla suona come un avvertimento a tutto l'ambiente, tentato dall'idea di ritrovarsi domani sera alla testa della classifica, ma in solitaria, complice lo scontro diretto tra Juve Stabia e Foggia.

Invece la formazione brindisina, guidata dall'ottimo tecnico Antonio Calabro, originario di Melendugno, con il quale ha conquistato due promozioni consecutive, dall'Eccellenza alla Lega Pro, è una squadra "con un marchio di fabbrica collaudato" e composta da "giocatori che sanno il fatto loro". Padalino ne cita alcuni: l'ex Abruzzese, De Angelis, Idda, Faisca, Triarico. Sulla base di queste premesse la Virtus ha ottenuto 8 punti in classifica.

L'allenatore del Lecce inisiste sul concetto, al quale i tifosi dovrebbero essersi abituati dopo quattro campionati all'inferno, che "nulla è scontato" e per questo rivaluta anche il pareggio di domenica scorsa - da molti considerato "un misero punto" a Vibo Valentia, dove, spiega, la sua squadra "ha fatto tutto da sola", non riuscendo a chiudere la partita e commettendo, inoltre, "errori individuali".

Il tecnico foggiano ha detto anche di aver provato delle varianti tattiche relative all'impiego di Lepore, ma che molto dipenderà anche dalla disposizione e dal tipo di gioco che adotteranno gli avversari. Uno spostamento del capitano in direzione della fascia laterale, sulla quale ha speso diverse stagioni e anche con un certo profitto, potrebbe portare all'impiego a tempo pieno di Fiordilino che sta dimostrando di avere i numeri per vestire una maglia da titolare. Tra l'altro l'assenza contemporanea di Pacilli e Doumbia apre la porta a varie alternative, tra cui il ricorso al giovane Vutov.

A proposito dell'ex della Cremonese, infortunatosi nell'ultima partita interna, contro la Reggina, domani dovrà ancora mordere il freno sebbene sia nella lista dei convocati: "Lui vorrebbe già rientrare, questo mi fa molto piacere, ma io non voglio rischiare un elemento che per noi può essere determinante, dopo solo otto giornate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padalino rispetta la Virtus Francavilla: "Ci sono tutte le insidie del caso"

LeccePrima è in caricamento