Martedì, 15 Giugno 2021
Sport

Perucchini si riprende la porta del Lecce: "Ho un conto in sospeso da saldare"

Titolare nel vittorioso match di Castellammare di Stabia, il 24enne bergamasco si prepara a giocare dal primo minuto anche domenica, contro la Casertana. In estate è stato oggetto delle attenzioni di squadre di categoria superiore ma lui è sereno: "Far parte di questa squadra non rappresenta un passo indietro"

Filippo Perucchini.

LECCE - Una maglia da riconquistare, un conto da saldare. Filippo Perucchini è tornato a Lecce dopo l'esperienza con il Varese in serie B. Ha assistito alla prima partita di campionato dalla panchina, perché in campo mister Asta ha mandato Benassi, mentre domenica scorsa a Castellammare di Stabia è toccato a lui. La sua prestazione è stata buona, la porta è rimasta inviolata e i giallorossi hanno conquistato i tre punti. 

"Abbiamo dimostrato umiltà e compattezza, pur rimanendo in dieci per buona parte del secondo tempo. Per quanto riguarda me so che ci sono delle situazioni in cui devo migliorare". In effetti, su un paio di uscite alte, forse anche per un'intesa non ancora automatica con i compagni di reparto, la sua porta ha corso seri rischi di essere violata.

L'estremo bergamasco durante le fasi di calciomercato è stato corteggiato da diverse squadre di categoria superiore, ma i dirigenti del club salentino hanno resistito alle offerte e hanno lasciato cadere i vari interessamenti, considerando Perucchini una risorsa tecnica e patrimoniale importante per il club. "Quest'estate è stata movimentata più degli altri anni, fa sempre piacere ricevere attenzioni, ma io ho un conto da saldare qui, quella finale col Frosinone  non mi è andata giù". Il riferimento è alla finale di andata dei play-off quando i laziali pervennero al pareggio grazie ad un tiro deviato. In quella stagione fu il titolare, infortuni a parte, fino alla 24esima giornata (per 11 volte imbattuto), lasciando poi il posto a Caglioni. 

A 24 anni, dunque, riparte da Lecce, "ma con ancora più voglia. Mi sento pronto e giocare in Lega Pro non rappresenta un passo indietro quando la squadra è così forte, in una piazza del genere". Il suo procuratore, intanto, sta discutendo il rinnovo del contratto con il Lecce ma Perucchini si concentra solo sul calcio giocato. Domenica al Via del Mare è di scena la Casertana, a punteggio pieno senza aver subito reti: "Non può essere un caso - ha chiosato il portiere - per cui dovremo essere bravi noi a spingere nella maniera giusta".

Infine un pensiero per il collega Benassi, ricaduto nell'incubo dell'inchiesta sul calcioscommesse dopo la richiesta del procuratore federale di riaprire il fascicolo relativo alla partita tra Lecce e Lazio, ultimo match della stagione 2010-2011: "E' una situazione paradossale, con un processo chiuso e poi riaperto. Posso immaginare cosa stia passando Max ma è un professionista serio e una brava persona e sono convinto che sarà prosciolto, ancora una volta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perucchini si riprende la porta del Lecce: "Ho un conto in sospeso da saldare"

LeccePrima è in caricamento