Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

Accesso alla B, Figc ribadisce clausola illecito. Lecce, Novara e Reggina fuori

Il Consiglio federale ha rinviato la scelta della squadra che integrerà la serie cadetta a 22 squadre, come disposto dal Collegio di garanzia del Coni. Ma le squadre condannate negli ultimi due anni restano fuori dai giochi. Per il ricorso ci sono 48 ore

Carlo Tavecchio, presidente Figc

LECCE – Nulla di fatto al termine del Consiglio federale della Figc sulla questione della rimodulazione della serie B a 22 squadre, ma la pessima notizia per il Lecce c'è già. Se infatti è vero che la decisione su quale squadre inserire nella serie cadetta è slittata a lunedì prossimo, è stato anche confermato che i parametri di riferimento saranno quelli della circolare 171/A che impedisce alle squadre che negli ultimi due campionati hanno scontato condanne per illecito sportivo di beneficiare del "ripescaggio". 

Un orientamento che taglia fuori i salentini che con Reggina, Juve Stabia, Matera e Novara avevano presentato la propria disponibilità, sebbene una corrente di pensiero molto ampia riteneva che fosse solo una formalità la scelta dei piemontesi i quali la scorsa settimana si erano visti accogliere da parte del Collegio di garanzia del Coni il ricorso contro la B a 21 formazioni dopo l'esclusione del Siena. 

Il presidente della Lega Pro, Mario Macalli al termine della riunione dell’organo di governo del calcio (nella quale è stato eletto vice presidente della Figc, insieme a Maurizio Beretta) ha rilasciato all’agenzia LaPresse la seguente dichiarazione: “Si sta discutendo della problematica che nasce con l’ordinanza della Suprema Corte per riportare la serie B a 22 squadre. Se passa l’idea di considerare i criteri usati da 8 anni a questa parte per i ripescaggi - 50 per cento la classifica, il 25 la storia della società e 25 bacino d'utenza e spettatori - la delibera verrà rimandata al collegio che ha fatto l'ordinanza. Se è in linea lo decidono loro, se non decidono vuol dire che abbiamo ragione noi”.

Questa e altre frammentarie dichiarazioni riportate dalle agenzie avevano aperto il fronte alle più disparate interpretazioni. E' stato poi il comunicato stampa del Consiglio_federale, diramato nel tardo pomeriggio, a spegnere quasi del tutto le speranze di Lecce, Novara e Reggina, proprio con il riferimento alla circolare del maggio scorso. Le società in questione ora hanno 48 di tempo per ricorrere nuovamente all'Alta Corte del Coni. Le squadre che ritengono di possedere i requisti per il ripescaggio hanno tempo per presentare domanda fino alle 13 di lunedì 25 agosto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accesso alla B, Figc ribadisce clausola illecito. Lecce, Novara e Reggina fuori

LeccePrima è in caricamento