Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Pagliari cerca l'identità: "L'unica strada che possiamo cambiare è la nostra"

Il tecnico dei giallorossi ha inserito nella lista dei convocati per la gara contro il Matera tutti i nuovi: Beduschi, Scuffia, Herrera e Di Chiara. La squadra potrebbe scendere in campo col 4-3-3: Lepore, Moscardelli ed Herrera sulla linea più avanzata

Dino Pagliari a Barletta.

LECCE - Tutti e quattro nella lista dei convocati, i nuovi arrivati in casa Lecce: Scuffia, Beduschi, Herrera e Di Chiara sono stati inseriti nell'elenco degli abili ed arruolabili per la gara di domani contro il Matera. Del resto, tra infortuni e squalifiche mister Pagliari deve fare a meno di Miccoli, Doumbia, D'Ambrosio, Lopez, Sacilotto e Carrozza e di tempo da perdere non ce n'è più. Allora si fa di necessità virtù.

"Abbiamo ragazzi giovani, energia fresca che credo sia giusto inserire subito. anche perché domani abbiamo spazio", ha detto con sincerità l'allenatore del Lecce che certo dovrà tener conto anche delle voci di mercato che danno per partente, ad esempio, Gigi Della Rocca. I giallorossi dovrebbero schierarsi con un modulo più vicino al 4-3-3 che al 4-4-2, sebbene Pagliari in conferenza abbia parlato di una "diversa occupazione degli spazi". E in questo schieramento potrebbe esordire Di Chiara, sul lato sinistro della linea difensiva, oltre ad Herrera che si allena con i nuovi compagni già da una settimana. 

Per il resto Abruzzese e Vinetot come coppia di centrali difensivi, Mannini sulla destra. A centrocampo Papini, Salvi e Filipe Gomes con Lepore, Moscardelli ed Herrara più avanzati.  La prospettiva del tecnico rispetto al campionato che resta da giocare, quella del pensare a se stessi, è stata ribadita anche oggi in conferenza stampa: "Io non rincorro nessuno, dobbiamo fare la nostra strada perché è quella che possiamo cambiare", ha dichiarato Pagliari al proposito. Un accenno è stato fatto anche all'ultimo match, quello pareggiato a Barletta: "Non abbiamo fatto un passo in avanti, non abbiamo giocato un buon calcio, però se se non fossimo rimasti in dieci avremmo vinto. L'ho detto ai ragazzi, anche nelle prestazioni meno felici si vede l'identità di una squadra".

Al seguito del Matera ci saranno centinaia di tifosi. La formazione di Auteri ha un solo punto di ritardo sul Lecce ed è reduce da una convincente vittoria contro la Juve Stabia. Per i salentini un match dal massimo coefficiente di difficoltà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagliari cerca l'identità: "L'unica strada che possiamo cambiare è la nostra"

LeccePrima è in caricamento