menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mister Corini a Pescara.

Mister Corini a Pescara.

Corini difende la sua strategia ma raccomanda: "Il minimo vantaggio non basta"

L'allenatore del Lecce rivendica la gestione delle sostituzioni a Pescara ma chiede alla sua squadra di continuare a giocare in maniera propositiva per consolidare il risultato

LECCE - Alla ricerca del quinto risultato utile di file dopo il ko intero contro l’Ascoli e, ancor più, di una reazione temperamentale dopo il deludente pareggio di Pescara, con gol incassato al 91’, il Lecce studia gli ultimi dettagli prima della partita contro la Virtus Entella, fanalino di coda del torneo. Il dato di classifica conta poi relativamente, considerando che i liguri si trovano appena sotto gli abruzzesi.

Tra i convocati ricompare il nome di Nikolov, al rientro dopo aver smaltito la faringite, e quello del giovane difensore Monterisi, mentre continuano a seguire un programma di lavoro differenziato gli assenti di lungo corso Calderoni, Dermaku e Listkowski, che restano indisponibili insieme a Pisacane e Vigorito. Alla vigilia del match l'allenatore Eugenio Corini pensa che la squadra abbia smaltito le scorie del risultato indigesto: "Arriviamo bene alla partita perché la squadra è in una buona condizione fisica. Siamo pronti e preparati per fare una gran prestazione", ha dichiarato il tecnico in apertura di conferenza stampa.

Sulla lezione tratta dall'ultima gara, Corini non sembra intenzionato ad attribuirle una eccessiva importanza: "C’è sempre qualcosa da imparare. Sicuramente c’è rammarico per non aver portato a casa la vittoria, ma il pareggio, come poi è stato certificato, era viziato da un fuorigioco: si tratta di qualcosa che noi non possiamo controllare. Io penso che la squadra abbia fatto la sua partita, quello che ho chiesto ai ragazzi ieri è di continuare a giocare al calcio perché un solo gol di vantaggio non ti consente di avere la certezza matematica di vincere. Purtroppo ci è accaduto un paio di volte ultimamente, ma bisogna pure dire che questa squadra nell’ultimo periodo ha fatto bene, vincendo partite importanti: anche con Brescia e Pescara eravamo comunque davanti al 90’, questo vuol dire che il Lecce sta crescendo".

L'allenatore dei giallorossi è stato poi sollecitato a rispondere a quelle considerazioni critiche - che in qualche modo hanno coinvolto anche il presidente - Saverio Sticchi Damiani, che gli imputano lo snaturamento delle fisionomia della squadra dopo le sostituzioni nel secondo tempo: "Io penso che la squadra abbia mantenuto inalterato il suo sistema di gioco fino al minuto 85. Poi ho provato a dare un appoggio di più a Maselli e a Maggio che era un po’ stanco, con Paganini largo a destra e puntando sulla fisicità e qualità di Tachtsidis. La punizione da cui nasce il gol viene a seguito di un corner in cui proprio Paganini fa una bella diagonale per colpire di testa. Nel secondo tempo non abbiamo avuto quella incisività e quella voglia necessarie per costruire situazioni importanti e consolidare il nostro vantaggio".

E rispetto alla difficoltà incontrata dalla squadra davanti ad avversari guardinghi, che si preoccupano di limitare la manovra altrui prima che di impostare la propria, il tecnico bresciano ha spiegato: "Siamo il secondo miglior attacco del torneo, ma è normale che sia più difficile segnare quando gli avversari si chiudono. Non possiamo pretendere di fare sempre due, tre gol a partita. Sicuramente dobbiamo essere più incisivi nella qualità delle scelte, far girare la palla più velocemente per cercare gli spazi giusti: è fisiologico però che certe volte serva più tempo per scardinare le difese avversarie".

Prima dell'inizio della gara di domani verrà consegnata al capitano del Lecce, Marco Mancosu, una maglia celebrativa per i 50 gol realizzati con la maglia giallorossa: l'ultimo proprio nella precedente gara interna, quella vinta contro il Cosenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento