"Corri a Lecce", sesta edizione da record: in migliaia lungo le strade

Sotto il cielo grigio di una Lecce spazzata dal forte vento di scirocco, è andata in scena la sesta edizione della "Corri a Lecce"

I due atleti marocchini in piazza Sant'Oronzo (Primula Vico Ph.)

LECCE – Sotto il cielo grigio di una Lecce spazzata dal forte vento di scirocco, è andata in scena la sesta edizione della “Corri a Lecce”. Un’edizione da record, con oltre duemila persone che hanno invaso, colorato e animato le vie del capoluogo salentino. Un successo senza precedenti per i tre eventi racchiusi all’interno della manifestazione: la mezza maratona, che quest’anno si è fregiata del titolo internazionale; la gara competitiva di 10,8 chilometri e la non competitiva di sette chilometri. Tre eventi racchiusi in un unico grande contenitore fatto di sport, emozioni, festa, amicizia e solidarietà. Un successo ottenuto grazie all'impegno profuso dal main sponsor dell’evento, l'azienda Interfrutta attraverso il marchio commerciale Fatano 1880 (impresso su tutte le maglie degli atleti delle gare competitive). Una sinergia importante: fra gli sportivi, infatti, la frutta sta guadagnando un posto di primo piano nell’indice di gradimento. Ciò grazie anche a recenti studi di scienziati e nutrizionisti che, negli ultimi anni, hanno riscoperto le innumerevoli qualità della frutta fresca e secca. In particolare mandorle (distribuite agli atleti dall'azienda), noci e nocciole rappresentano una miniera di preziosi nutrimenti (vitamine, sali minerali, fibre e grassi essenziali) e soprattutto sono un’ottima fonte di energia.10-8-7

A trionfare nella mezza (ben 1029 gli atleti che hanno tagliato il traguardo, provenienti da dodici regioni) è stato il marocchino Hicham Boufars, che ha tagliato il traguardo in 1h 7’ e 46’’. L’atleta marocchino tesserato con l’International security di Nola ha preceduto di una manciata di secondi il connazionale Jaouad Zain, vincitore della scorsa edizione. Sul podio, primo degli italiani, il salentino Santino Zaminga della Gymanisum San Pancrazio, terzo con il tempo di 1h 14’ e 38’’. Successo marocchino anche tra le donne, con Hannane Janet prima al traguardo in 1h 22’ e 49’’. Dietro la campionessa della società Lbm Sport team, due atlete di casa: Paola Bernardo dell’Atletica Capo di Leuca e Francesca Mele del Club correre Galatina. A rendere la gara ancora più bella la presenza dell’Asd “Andrea e i corsari della maratona”, impegnata nel sostegno dei ragazzi diversamente abili, attraverso la partecipazione alle attività sportive e ricreative. Tre gli atleti al via della gara, grazie al supporto di tutto lo staff e di altri podisti che li hanno accompagnati in una domenica indimenticabile.

Nell’altra gara competitiva, corsa sulla distanza dei 10,8 chilometri, successo maschile per Antonio Redi del Team Francavilla (con il tempo di 35’ e 56’’) e Mariacarmela Landunnamed-39-3riscina, che ha chiuso in 46’ e 23’’.

Circa seicento, invece, ma quasi un migliaio i partecipanti (tra loro anche l'assessore Attilio Monosi con l'associazione Salento Attivo), alla “Corri e cammina nel Barocco”, la non competitiva da sette chilometri il cui ricavato sarà destinato al progetto Corri a scuola per un defibrillatore”, finalizzata all’acquisto di defibrillatori per le scuole. Un lungo serpentone di gente che ha colorato e animato le vie del centro cittadino. L’iniziativa quest’anno ha abbracciato l’associazione Leccentrica, presieduta da Manuela Laudisa e ha avuto un patron d’eccezione: Al Bano Carrisi, che ha donato le magliette distribuite a tutti gli iscritti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un successo che ha il volto e il cuore di Simone Lucia, presidente dell’Asd Gpdm Lecce: “Il mio Pacer-2ringraziamento va agli atleti, ai partecipanti, ai cittadini e a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di questa sesta edizione. I numeri raccontano del successo di un evento che attira nella nostra città persone da tutta Italia, che attraverso la corsa possono godere e innamorarsi delle meraviglie della città di Lecce. Motivo di orgoglio, per me e la società dei Gpdm, è aver contribuito a un progetto importante come quello che ci vede impegnati nell’acquisto dei defibrillatori per le scuole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento