rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Sport

"Corri a Santo Stefano", un lungo fiume di appassionati ha colorato le vie di Lecce

Sono stati quasi cinquecento i podisti e gli appassionati che hanno preso parte all'ormai storica "Corri a Santo Stefano", una passeggiata per le vie di Lecce, con l'unico intento di condividere con gli amici gli auguri natalizi e vivere la città nella pace e la tranquillità dei giorni di festa

LECCE – Hanno invaso le vie del centro di Lecce, diventando per un’ora padroni del centro storico, colorando dei colori sgargianti delle loro divise e delle loro scarpe, le vie ricche di storia e di fascino del borgo antico.Sono stati quasi cinquecento i podisti e gli appassionati che hanno preso parte all’ormai storica “Corri a Santo Stefano”, una passeggiata per le vie di Lecce, con l’unico intento di condividere con gli amici gli auguri natalizi e vivere la città nella pace e la tranquillità dei giorni di festa. L’iniziativa è nata una ventina di anni fa con un piccolo gruppo di patiti della corsa che si davano appuntamento in città per una “sgambata” mattutina il giorno di Santo Stefano. Una passeggiata e una camminata in tenuta da running per bruciare le calorie degli abbondanti pasti natalizi, animati dalla voglia di incontrarsi per condividere una grande passione. Col tempo è diventato uno degli appuntamenti più attesi dell’intera stagione, l’incontro per salutare l’anno che sta per finire e scambiarsi gli auguri. Un’iniziativa che ha conquistato sempre più persone, divenendo un appuntamento irrinunciabile, che quest’anno ha raggiunto il suo exploit grazie alla passione e alle iniziative di Simone Lucia, presidente dell’associazione podistica Gpdm, e organizzatore della “Corri a Lecce”, la mezza maratona nazionale che il prossimo 15 marzo vivrà la sua attesissima quinta edizione.

In tanti, come detto, si sono ritrovati alle ore 8 nell’area parcheggio dell’ex Carlo Pranzo per ripercorrere poco più di metà (circa 11 chilometri) del tragitto della mezza maratona: l’ormai celebre “Corri a Lecce”. Un serpentone umano compatto, gioioso e festante, che ha colorato e ravvivato le vie della città, suscitando la curiosità e l’ammirazione della gente. Nessuna gara, nessuna competizione e nessun affanno, solo il piacere e la voglia di stare insieme.L’evento ha toccato alcuni dei punti più belli e suggestivi del capoluogo salentino: Porta Napoli (sotto lo sguardo austero dell’aquila bicipite degli Asburgo); la settecentesca Porta Rudiae; piazza Duomo, affascinante e severa con il campanile puntato verso il cielo come un dito in segno di vittoria. E ancora piazza Sant’Oronzo, salotto buono della città, con il santo patrono vigile e attento, fin sotto l’antico Sedile. Inevitabile il passaggio dalla basilica di Santa Croce, capolavoro assoluto del barocco. In ognuno di questi luoghi l’immancabile foto di rito. Lungo la strada molti curiosi che hanno applaudito, sorriso e scattato foto al lungo serpentone di podisti che hanno colorato il centro storico, calpestando con il loro passo leggero le strade in basolato che trasudano storia e un passato glorioso.

Al termine della passeggiata l’estrazione (ognuno era dotato di un pettorale con nome e cognome) di alcune felpe donate dall’Associazione Lorenzo Risolo e altri premi offerti da  “Simone sport” in via Marcianò a Lecce. Poi la grande festa con panettoni e spumanti per chiudere in bellezza una giornata di sport e di festeggiamento.

“E’ stata una bella iniziativa, non c’è che dire – ha commentato Simone Lucia –. Ci siamo ritrovati come ogni anno il giorno di Santo Stefano ma quest’anno con una certa soddisfazione posso dire che sarà tutto ancora più bello, con tante sorprese e spero tantissima gente, a dimostrazione che la corsa è davvero uno sport per tutti e che aggrega tante persone, di tutte le età. E’ un modo per stare insieme, per condividere un momento di sano sport, per scambiarsi gli auguri di Natale e per bruciare calorie, il che non guasta. E’ bello incontrarsi per una sana corsetta in città, approfittando del traffico quasi inesistente”. “Voglio ringraziare – ha concluso Lucia – tutti gli amici e gli appassionati che in questa giornata di festa hanno raggiunto Lecce dai comuni della provincia per godere e ammirare le bellezze del nostro capoluogo".

Ospite speciale della manifestazione Paola Bernardo, campionessa dell’Atletica Capo di Leuca che, seppur infortunata, ha voluto percorrere comunque l’intero percorso in carrozzina spinta e sospinta dagli amici. Un bell'esempio di sport e amicizia. A lei, da parte di tutti, l'augurio di 2015 in cui possa tornare presto a gareggiare e conquistare i successi che merita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Corri a Santo Stefano", un lungo fiume di appassionati ha colorato le vie di Lecce

LeccePrima è in caricamento