menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Barak nell'azione del suo gol contro il Torino.

Barak nell'azione del suo gol contro il Torino.

La "diplomazia" risolve l'affaire Barak: rinnovato il prestito fino ad agosto

Una nota dell'Us Lecce sancisce l'esito positivo della vicenda che aveva provocato negli ultimi giorni viva preoccupazione nella dirigenza giallorossa

LECCE – Con una nota il Lecce ha annunciato l’esito positivo del confronto con l’Udinese per il prolungamento del rinnovo del prestito di Antonin Barak fino al 31 di agosto, data in cui è prevista la disputa dell’ultima giornata della serie A. Il centrocampista ceco potrà dunque essere a disposizione del tecnico Liverani per la gara di domani contro la Sampdoria: certo le sue condizioni non sono ancora delle migliori, poiché è appena rientrato da un infortunio, ma un suo impiego anche parziale costituisce una freccia nell’arco dell’allenatore in un reparto già condizionato dalle assenze di Deiola e Majer.

L’accordo con la società friulana è stato in dubbio fino a questa mattina perché da Udine non era stato ancora controfirmato il relativo modulo sul quale era stato già apposto l’assenso del calciatore. Il ritardo aveva procurato una certa preoccupazione in casa giallorossa, con i massimi dirigenti salentini in apprensione: nella nota odierna L’Us Lecce ringrazia la famiglia Pozzo e l’Udinese per la “correttezza e la lealtà sportiva” dimostrate, ribadendo gli ottimi rapporti tra il presidente Saverio Sticchi Damiani e la proprietà friulana.

In ragione della ripresa del campionato dopo il lungo stop per l’emergenza sanitaria tutti i club si erano impegnati a non modificare gli accordi in essere, per non alterare la composizione delle squadre: per quanto riguarda i prestiti secchi – quelli cioè senza alcun diritto di opzione per l’anno successivo – non era però stato stabilito alcun vincolo di estensione automatico. E il passare dei giorni senza che l’Udinese rispondesse alle sollecitazioni aveva fatto scattare l’allarme, facendo supporre che i friulani prima di firmare volessero ottenere un qualche impegno del Lecce.

La “diplomazia” ha poi risolto la questione in tempo utile per la gara di domani e nel comunicato del Lecce un passaggio legittima a pensare che qualche idea i due club se la siano scambiata: “Tale vicenda è stata inoltre l’occasione per rafforzare i già proficui rapporti tra le due società anche in prospettiva futura”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento