menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rosati e Tomovic (foto di Giulio Paliaga).

Rosati e Tomovic (foto di Giulio Paliaga).

E'ufficiale: Rosati al Napoli, Tomovic resta a Lecce

Il passaggio ai partenopei dell'estremo giallorosso è stato perfezionato oggi dalle due società. Il ragazzo di Tivoli: "Non potevo rinunciare a questa opportunità". Confermato il prestito di Tomovic

LECCE - L'avventura di Antonio Rosati in giallorosso si è definitivamente chiusa oggi. Lecce e Napoli hanno infatti trovato l'intesa per il passaggio del portieri di Tivoli alla corte di De Laurentiis. L'operazione vale qualcosa di più di 3 milioni di euro. Rosati lascia dunque il Salento dopo aver collezionato 118 presenze con la maglia della prima squadra con la quale ha esordito nella stagione 2004 - 2005 con Zdenek Zeman. L'esperienza leccese di Antonio Rosati è iniziata nel 2002, quando, a soli 19 anni, il ragazzo giunse nel settore giovanile. E così il portiere più battuto della seria A sbarca in Champions, a dimostrazione che il calcio è cambiato e i dogmi difensivisti lasciano oramai il tempo che trovano.

"Non potevo rinunciare a questa grande opportunità, che mi viene data dal Napoli, un club che nella prossima stagione disputerà la Champions League - ha dichiarato Rosati al sito ufficiale della società giallorossa - ma nel giorno del distacco dalla famiglia del Lecce sento il dovere di ringraziare pubblicamente tutte le persone che mi hanno aiutato a crescere e maturare come uomo e calciatore. Un ringraziamento particolare va alla famiglia Semeraro e a tutti i dirigenti dell'U.S. Lecce. Non dimenticherò mai l'affetto con il quale i tifosi giallorossi mi hanno sempre seguito e sostenuto, soprattutto nelle difficoltà. Nel momento in cui mi appresto a vivere questa nuova esperienza professionale, auguro al Lecce e ai suoi tifosi le migliori fortune".

Nella giornata di oggi si è avuta anche la conferma del prestito dal Genoa di Nenad Tomovic con la possibilità del riscatto della metà del cartellino. Arrivato a Lecce a gennaio dello scorso anno per colmare una lacuna sulla fascia destra della linea difensiva che creava forti imbarazzi alla tenuta difensiva, il nazionale serbo si è ben comportato collezionando 16 presenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento