rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Sport

Ecomaretona, un viaggio di corsa lungo le coste d'Italia. Sei le tappe salentine

Una corsa lungo tutte le coste dell’Italia per portare un messaggio di sport “pulito” e di tutela dell’ambiente. E’ questo il messaggio alla base dell’Ecomaretona, la manifestazione organizzata da Giuseppe Tamburino (torinese, running motivator e maratoneta) giunta alla quinta edizione. Sei le tappe lungo tutta la costa salentina

LECCE – Una manifestazione non competitiva, completamente gratuita, in programma dal 26 giugno al 26 agosto attraversando l’Italia intera, seguendo il filo delle sue coste da Trieste a Ventimiglia, passando per Reggio Calabria e Messina. In totale 63 tappe, oltre tremila chilometri di costa che Giuseppe Tamburino (accompagnato dagli amici incontrati e raccolti lungo la strada) correrà su strade, piste ciclabili e spiagge per sensibilizzare, coinvolgere e fare innamorare gli italiani della corsa e fare loro riscoprire il proprio Paese attraverso di essa. Un insieme di emozioni e di storie che saranno raccolte e raccontate su RadioRun, la radio ufficiale di Ecomaretona.

L’Ecomaretona ha già raggiunto il Salento. Dopo la prima tappa di domenica (dalle Cesine a Torre dell’Orso), ieri la corsa ha toccato uno dei tratti di costa più belli e suggestivi dell’intera penisola. Il gruppo dei podisti si è ritrovato sotto i torrioni medievali del castello di Otranto, tra leggende e storie di martiri, romanzi gotici e saccheggi, luce abbacinante e fascino d’Oriente. Da lì il gruppo, capitanato da Tamburino e Simone Lucia (presidente dell’Asd Gpdm, e promotore dei più importanti eventi podistici alle nostri latitudini) ha proseguito costeggiando la baia dell’Orte e la Torre del Serpe, uno dei simboli della storia idruntina. Tra scenari mozzafiato, un mare cristallino e il cielo di seta, i podisti hanno raggiunto Punta Palascìa, il lembo di terra più a oriente d’Italia, uno dei luoghi più incantevoli del Salento, “finis terrae et incipio lucis”, con il faro che da oltre un secolo osserva e racconta le storie di mare, vento, viaggi e migranti. Dopo la Palascìa l’austera Torre Sant'Emiliano, una delle più imponenti torre costiere del Salento, posizionata a 50 metri sul livello del mare e costruita nel XVI secolo durante il re11728736_1702612486637222_6540800663951872522_o-2gno di Carlo V. Nel caldo afoso dell’estate salentina, tra colori e profumi capaci di incantare e rapire, tra rocce e radar, velieri al largo e la curiosità della gente, gli ecomaretoneti hanno concluso la tappa a Porto Badisco, proprio lì dove la leggenda racconta che sia approdato Enea in fuga dalla guerra di Troia.

Oggi nuova tappa da Leuca a Pescoluse, mentre domani la corsa andrà da Gallipoli a Santa Caterina. Giovedì si partirà da Sant’Isidoro con arrivo a Porto Cesareo, e venerdì ultima tappa salentina da Porto Cesareo a Punta Prosciutto.

Ecomaretona è una corsa aperta a tutti. Chiunque può partecipare percorrendo anche solo qualche chilometro di corsa, in bicicletta o con l’handbike. Non ci sono classifiche o tempi da rispettare: basta conoscersi, confrontarsi, guardarsi intorno, divertirsi. Ogni giorno ci sarà una tappa con ritrovo alle 18,30 e partenza alle 19,00. All’arrivo di tappa, sul lungomare o in luoghi suggestivi e significativi, sarà predisposto un villaggio con musica e interviste, per coinvolgere le istituzioni e la popolazione sui temi della manifestazione. L’Ecomaretona è patrocinata dalla Presidenza della Repubblica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecomaretona, un viaggio di corsa lungo le coste d'Italia. Sei le tappe salentine

LeccePrima è in caricamento