Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Corini esonerato: il tecnico paga per il rendimento interno e lo scorcio finale

Il presidente e il direttore dell'area tecnica del Lecce hanno comunicato l'interruzione del rapporto con l'allenatore. Il progetto di crescita, hanno spiegato, a un certo punto si è interrotto

Sticchi Damiani e Corvino.

LECCE - L'Us Lecce ha sollevato Eugenio Corini dall'incarico di allenatore. Arrivato nel Salento un anno addietro, all'insegna dello slogan "progetto triennale" dopo la delusione della retrocessione dalla serie A, il tecnico bresciano è stato ritenuto non adatto alla prosecuzione del percorso che i soci del club immaginano per l'immediato futuro: l'eliminazione in semifinale play-off contro il Venezia, evidentemente, ha pesato molto, ma nel contesto di una valutazione più organica.

Le ragioni della decisione sono state spiegate dal direttore dell'area tecnica, Pantaleo Corvino, e dal presidente, Saverio Sticchi Damiani con una comunicazione via Skype ai cronisti, rimandando a una prossima occasione la possibilità di porre delle domande. "Come nostro costume - ha detto il numero uno del club - vogliamo entrare nel merito della scelta compiuta in queste ore di sollevare dall’incarico il mister, Eugenio Corini. La decisione, lo preciso, non è maturata nell’emotività del dopo gara contro il Venezia ma è maturata razionalmente per valutazioni di natura tecnica. Non posso che augurare al mister e al suo staff le migliori fortune; gli auguro di avere l’ottima carriera che merita. Ha lavorato in maniera seria".

"La decisione di oggi - ha spiegato - prende le mosse da una prospettiva di più ampio respiro perché in questa stagione lavorando 24 ore al giorno abbiamo posto le fondamenta per un progetto complessivo di medio periodo. La crescita lungo questo percorso c’è stata fino a un certo punto, poi si è fermata per alcune ragioni, non permettendoci di raggiungere un risultato in anticipo sulle previsioni, Farlo sarebbe stato importantissimo. Abbiamo quindi chiesto alla direzione tecnica di valutare queste ragioni e se vi fossero i presupposti giusti per la ripartenza".

La parola è quindi passata all'esperto direttore: "Fare le analisi che la società mi ha chiesto in maniera sintetica e chiara non è facile, ma le decisioni si prendono in maniera lucida, aggiungo io a volte anche spietata. Ho dovuto mettere in luce i motivi di mancata crescita della squadra: nel girone di andata abbiamo vinto tre sole volte in casa, con 14 reti subite. Quindi ti aspetti per un giustificato motivo che nel girone di ritorno il trend cambi, anche alla luce degli aggiustamenti in sede di mercato e invece ti ritrovi che hai vinto solo altre tre volte, prendendo sempre 14 gol. Poi arrivi alle ultime quattro giornate, con quel vantaggio sulle inseguitrici, per cui ti aspetti quel qualcosa in più per centrare quell’obiettivo cui prematuramente saremmo potuti arrivare. Invece nessuna vittoria nelle ultime sei gare 4 più 2 di play-off), con 5 gol fatti e 10 subiti. Non è questo un percorso che potevo ignorare, quindi con dispiacere si prendono certe decisioni, assumendoci delle responsabilità".

La chiosa è stata di Saverio Sticchi Damiani: "Abbiamo incontrato i ragazzi cui abbiamo comunicato la scelta e cui ho raccontato in maniera sincera la mia delusione da presidente, da tifoso perché tutti noi lo siamo, e da socio del club: è giusto dire che l'opportunità del salto di categoria, ottenuto da compagini non certo superiori alla nostro, ci avrebbe aiutato molto ad alleviare i nostri sacrifici: anche il prossimo anno sarà economicamente faticoso, dispendioso. Qualcuno ancora non capisce che stiamo facendo calcio senza introiti, qualcuno dà certe cose troppo per scontate.  Si riparte con grande sacrificio, l'esonero è un costo in più ma se lo facciamo è perché lo riteniamo funzionale al progetto di crescita. Il direttore sa che in questo momento più che mai bisogna lavorare con idee alternative, su mercati diversi da quelli tradizionali, non è più il tempo di certe cose che non sono più razionali e sostenibili. La compagine societaria è compatta, tutta, dietro un progetto serio". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corini esonerato: il tecnico paga per il rendimento interno e lo scorcio finale

LeccePrima è in caricamento