Diego Farias ai blocchi di partenza. Una maglia da titolare per affrontare la Juve

Chiamato in causa dal primo minuto solo in un'occasione, nella quale ha peraltro segnato, la seconda punta brasiliana ha dimostrato contro il Milan la qualità del contributo che può dare alla squadra

Diego Farias dopo il gol di Calderoni a Milano (foto Chilla).

LECCE - Il momento di Diego Farias sembra oramai prossimo. Dopo la zampata contro il Torino alla terza giornata (unica gara in cui è partito dal primo minuto), la prestazione a Milano, dove è stato chiamato in causa al posto di Falco nel secondo tempo, ha fornito la prova del suo sostanziale recupero in termini di condizione atletica e di integrazione nella filosofia di gioco di mister Liverani.

Al Meazza il brasiliano ha dato subito un’altra consistenza al reparto offensivo del Lecce rispetto a un primo tempo in cui Babacar era rimasto piuttosto isolato mentre tutta la squadra arrancava e Falco non riusciva ad alleggerire la pressione del Milan, molto aggressivo in tutte le zone del campo. È vero che nella seconda parte di gara il motore dei rossoneri ha girato a un regime più basso – questo era inevitabile - ma Farias ha saputo “entrare” nel match in maniera determinante per le sorti del risultato (2 a 2), candidandosi dunque a una maglia da titolare per la gara di sabato contro la Juve.

Ipotesi, questa, suffragata anche dal fatto che mercoledì 30 il Lecce disputerà la partita successiva, a Genova contro la Sampdoria affidata alle cure di Claudio Ranieri dopo l'esonero di Eusebio Di Francesco. Liverani, già prima della trasferta a Milano, aveva detto chiaramente che avrebbe fatto ricorso praticamente a tutti gli attaccanti. In una fase in cui la tenuta fisica inizia a essere discreta per tutti, anche per gli ultimi arrivati, non è il caso di andare incontro a guai muscolari. Falco ha tirato la carretta fino a oggi e ci potrebbe stare per lui un turno di riposo. In quel caso toccherebbe con ogni probabilità a Farias, magari in coppia con Babacar. I due si conoscono per aver militato insieme nel Padova, in serie B, nella stagione 2012/2013 (Farias fece dieci gol, il senegalese uno).

Farias, arrivato a Lecce in prestito dal Cagliari, si è presentato in conferenza stampa dove ha avuto toni molto diplomatici. “La concorrenza è un bene perché ti aiuta a dare il massimo per cercare di conquistare il posto in campo”, ha detto condividendo anche con i suoi compagni il merito di aver saputo dare una svolta alla gara: “La differenza l’ha fatta la capacità di far girare di più la palla perché questo ti permette di fare la tua partita”.

Naturalmente la prospettiva di giocare, sabato pomeriggio, in uno stadio gremito non lo lascia indifferente: “Sarà bello anche se devo dire che i nostri tifosi sono sempre con noi”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento