Fulgor Tricase 'Mastro'dontica: 3 a 0 al Sammichele: è semifinale

Un Mastropasqua in stato di grazia ed un pubblico strepitoso, spingono la Libellula Fulgor Tricase in semifinale playoff

Ebbene sì. Non potevamo scegliere un titolo migliore per sintetizzare la prestazione rossoblù. In gara 2 contro il Sammichele al PalaSport di Tricase, la Libellula Fulgor Tricase sopprime con un secco 3 set a 0 (25-23, 25-21, 25-21) i rivali baresi ribadendo la vittoria in gara 1 di giovedì scorso. Una prestazione sontuosa quella dei ragazzi di mister De Giorgi, trascinati da un Mastropasqua in stato di grazia e dal supporto del proprio pubblico che ha incitato, dal primo all'ultimo punto, i giocatori in campo.

A tal proposito, la dirigenza ringrazia vivamente tutti i tifosi per la passione ed il supporto espressi durante la gara. Un contributo, di fatto, importantissimo che ha aiutato notevolmente i giocatori in campo. La gara inizia subito con i tricasini avanti di quattro lunghezze (7-3). Un gap che si estingue nel corso dei minuti con gli ospiti che riagguantano il pareggio per poi sorpassare i padroni di casa (7-9). Le due compagini continuano ad annullarsi a vicenda, ma è sempre il Sammichele ad essere avanti nonostante i palloni messi a terra da Carrozzo e compagni (9-12).

Per i baresi inizia il fiato corto e i rossoblù ne approfittano: un ace di Melfi, due siluri di Mastropasqua ed un primo tempo di Tridici portano il risultato sul 18 pari. Il PalaSport di Tricase è una bolgia, e i rossoblù in campo si esaltano ancora di più. E' ancora un Mastropoasqua indemoniato a firmare punti decisi costringendo il coach barese a chiamare il timeout (23-22). Il punto numero 25 è firmato da Tridici che chiude il parziale sul 25-23. Fin dalle prime giocate del secondo set, le due squadre confermano l'andamento del primo parziale con un equilibrio in campo che si rispecchia nel punteggio. Siamo 8 pari, ma gli occhi dei rossoblù dicono tutt'altro. Sono occhi che esprimono grinta e voglia di vincere e, infatti, così è.

Licchelli con un ace prima, ed un doppio muro di Melfi e Mastropasqua poi, portano la Libellulla sul 12-8. Un dominio assoluto, uno strapotere che concede solo le briciole agli ospiti. E' ancora Melfi a sbattere la porta in faccia per ben due volte ai baresi. A nulla serve il timeout chiamato dagli ospiti: è Rosafio a timbrare il punto numero 24. Il solito "Mastro" chiude il set col risultato di 25 a 21. Nel terzo parziale mister De Giorgi concede un po' di riposo a qualche pedina facendo entrare Trovè al posto di Tridici e Cassiano al posto di capitan Carrozzo, ma in campo la sinfonia rossoblù è sempre la stessa.

Il set procede col Tricase padrone del gioco nonostante il Sammichele sia sempre lì a giocarsi il parzilae senza mai calare la testa (10-10). E' ancora Melfi a chiudere la porta a doppia mandata portando i suoi sul 19-18. Lo spettacolo è servito: dopo una serie di scambi e un miracolo difensivo del baby Morciano, Mastropasqua, con un destro chirurgico, mette finalmente a terra il pallone del 21esimo punto. Sulle gradinate, intanto, continua la festa. Due ace, uno di Melfi ed uno di Mastropasqua, concludono il set col risultato di 25 a 21. Ora testa, cuore e braccia al doppio impegno in semifinale contro il Trivianum. L'andata verrà disputata o mercoledì 10 o giovedì 11 a Triggiano, mentre il ritorno domenica 14 maggio al PalaSport di Tricase.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

COMUNICATO STAMPA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento