Sport

Ginnastica ritmica: Sofia Fischetti, una stella per far grande la Puglia

L'obiettivo è chiaro: portare la Puglia della ritmica alla ribalta nazionale. È questa la scommessa del Comitato regionale FGI appena insediato e di tre associazioni pugliesi (Relevè Brindisi, Guinnes Unika Taranto e Delfino Lecce)

L'obiettivo è chiaro: portare la Puglia della ritmica alla ribalta nazionale. È questa la scommessa del Comitato regionale FGI appena insediato e di tre associazioni pugliesi (Relevè Brindisi, Guinnes Unika Taranto e Delfino Lecce) che hanno ceduto le proprie ginnaste più rappresentative alla neo- promossa in A2 Asd Iris di Giovinazzo affinché si formi un'unica squadra di ginnaste pugliesi di altissimo livello per portare per la prima volta nella storia una realtà pugliese ai vertici della ritmica nazionale.

"Questo obiettivo che ci siamo prefissi nasce in realtà dall'esigenza da tempo avvertita di non regalare più le nostre risorse alle squadre del Centro-Nord che militano in A e che le richiedono" tuona il presidente regionale della FGI Lorenzo Cellamare. "L'idea è stata di unire le risorse-spesso isolate nelle singole società - e farle gareggiare con realtà pugliesi in modo da essere competitivi a livello nazionale.

D'altra parte abbiamo già sperimentato con successo questo percorso nell'artistica femminile dove la Asd La Rosa di Brindisi è stata per 4 anni in A1,dopo aver fatto la scalata delle varie serie anche col supporto di altre ginnaste di Brindisi ma appartenenti ad altre società. Posso dire che le competenze tecniche in regione ci sono, solo che sono frammentate sul territorio mentre, per ottenere risultati, è necessario lavorare insieme senza contrasti ed offendo le proprie risorse; in questo momento il clima è favorevole perché vedo una bella coesione tra le società benché mi renda conto che non è facile. Quello che è vero è che siamo stanchi di fare i sudditi delle società del Nord anzi, sono felice di riferire che, negli ultimi tempi, si è invertita la tendenza perché siamo noi a chiedere loro dei prestiti.

A riprova di questo "cambio di direzione", in questo momento una ragazza dell'Iris, Annapaola Cantatore, è in nazionale e ci sono in Puglia altre quattro o cinque ginnaste di pari livello che, se non si montano la testa e sono disposte al sacrificio come già sta facendo la Cantatore, agli ordini di un "sergente di ferro" come Manuela Maccarani (responsabile tecnica della squadra nazionale di ritmica), potranno sicuramente aspirare ad obiettivi altissimi e, naturalmente, alle Olimpiadi.

La Puglia è innegabilmente la reginetta del Sud ma ora dobbiamo conquistare le "cime" del Centro e del Nord." Di questo progetto parla anche Marisa Stufano nella doppia veste di Direttrice Tecnica regionale e di responsabile tecnico della Asd Iris. "Si tratta di un traguardo storico per la Puglia, mai raggiunto sinora ed intorno a questo successo si è stretta la regione per cui anche io ho voluto condividere questo momento con le altre società pugliesi di spicco. Il tesseramento di alcune ginnate pugliesi con Iris è stato fortemente condiviso e voluto da tutte le realtà da cui queste ragazze provenivano, con la volontà comune di una squadra che rappresenti non l'Iris ma la Puglia. Negli anni scorsi non avevamo la forza di salire in A, ma negli ultimi tempi ci siamo molto impegnati tutti per raggiungere un livello tecnico tale che ci consentisse di accedere alle massime serie e, una vola raggiunto questo obiettivo, non abbiamo dovuto più rinunciare alla nostre ginnaste a vantaggio di società di altre regioni.

Chi ha voluto aderire a questo progetto, nato spontaneamente in novembre dopo la promozione in A2 ma che vedeva una pregressa volontà di lavorare insieme per questo obiettivo comune, ha contribuito facendo arrivare alla Iris queste tre ginnaste: Sofia Fischetti per il Delfino, Corinda Caputo per Guinnes Unika e Carla Maghelli da Relevè. Le premesse sono ottime anche perché si lancia un messaggio di sport e di unione bello, certo bisognerà lavorare sodo a livello tecnico perché è molto più facile acquistare il prodotto finito fuori o cedere la ginnasta ad società forti: tuttavia in questo momento ci siamo sentiti di scommettere su questo obiettivo e bisogna rimboccarsi le maniche perché sono ginnaste molto giovani rispetto alle altre squadre.

È sicuramente un azzardo quello che abbiamo fatto e quest'estate lavoreremo molto insieme per fare un percorso comune e preparare questa squadra. Il progetto, quindi, sebbene concretizzatosi solo pochi mesi fa, parte da lontano. "Una volta ottenuta la promozione in A2 di Iris- racconta Patrizia Tamburrano, Presidente della Asd Delfino di Lecce e Consigliere regionale della FGI,- ci siamo confrontati tra dirigenti delle società che in Puglia vantavano nel loro organico delle ginnaste di sicuro talento, già parte di un gruppo attenzionato dalla Direzione tecnica nazionale e con molta spontaneità abbiamo deciso, di concerto con il Comitato regionale, lo staff tecnico regionale e le famiglie delle atlete, di cedere alla Iris le nostre punte di diamante per far sì che finalmente queste ragazze possano crescere all'interno del territorio regionale, senza essere costretti a farne delle "emigranti dello sport" verso altre realtà esterne alla Puglia che, purtroppo, non sempre ne valorizzano le potenzialità.

"Per quanto ci riguarda- continua Tamburrano- la scelta di cedere Sofia Fischetti è stata sicuramente sofferta poiché è una ginnasta che ha dato lustro alla nostra società, partecipando ad importanti esperienze agonistiche nazionali ed essendo inserita dalla D.T. Nazionale nei c.d. "Gruppi C", tuttavia questa decisione ci riempie al contempo di gioia perché siamo felici che Sofia, grazie a questa nuova squadra, non debba andare fuori regione per far valere il suo talento ma possa crescere qui "vicino"a noi ed ai suoi affetti, supportata dal nostro staff tecnico ed in generale dalla grande famiglia del Delfino. Siamo certi, d'altra parte, che questa scelta costituirà un'occasione di crescita per tutti gli atleti della nostra associazione che già partecipa nella ritmica al campionato di B1 con l'obiettivo stagionale della promozione in B nazionale, e che nell'artistica continua a mietere successi mai ottenuti nella nostra storia, grazie anche alla presenza di ginnasti come Mattia Quarta, da tempo sotto l'occhio vigile dei tecnici nazionali.

COMUNICATO STAMPA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ginnastica ritmica: Sofia Fischetti, una stella per far grande la Puglia

LeccePrima è in caricamento