Sport

Giochi della gioventù, in 1500 per il gran finale

È stata una caldissima ma indimenticabile mattinata di sport quella vissuta oggi da 1500 studenti di 28 Istituti secondari di 1° grado di Lecce e provincia

È stata una caldissima ma indimenticabile mattinata di sport quella vissuta oggi da 1500 studenti di 28 Istituti secondari di 1° grado di Lecce e provincia. Nel campo scuola Santa Rosa che ha ospitato i Giochi della Gioventù 2008, la sana attività fisica all'aria aperta, il divertimento, la socializzazione e, lo spirito di squadra hanno fatto da sfondo ad una manifestazione che mai come quest'anno aveva riscosso tanto successo.

Tornato nel 2007 dopo un'assenza durata 11 anni, uno dei progetti istituzionali organizzati dal Coni in collaborazione con la Scuola ha fatto registrare a Lecce anche una particolarità, dal momento che ha condiviso la struttura di via Giammatteo con le rappresentative militari di Italia, Bielorussia, Danimarca, Lettonia, Norvegia, Olanda, Russia, Turchia e Venezuela impegnate nella seconda giornata delle gare valide per la Coppa Europa di Pentathlon militare. I Giochi della Gioventù si sono infatti aperti con una Cerimonia che ha visto gli studenti partecipanti sfilare lungo la pista d'atletica con le bandiere italiana, olimpica, del Coni e dell'Unicef (sponsor ufficiale) sino al tripode. Mentre riecheggiava l'inno italiano ed i militari della Scuola di Cavalleria di Lecce eseguivano l'alzabandiera, un'atleta disabile ha raccolto la fiaccola da due giovani tedofori ed ha acceso la fiamma che ha dato il via ufficiale ai Giochi.

Oltre al presidente Antonio Pascali ed a tutti i componenti della Giunta del Coni di Lecce, alla cerimonia erano presenti gli assessori comunale e provinciale allo sport Massimo Alfarano e Salvatore Capone, la responsabile per Lecce dell'Unicef Giovanna Perrella e Paolo Pagliaro, presidente dell'Associazione "Cuore Amico Onlus", con la quale il Coni ha stilato un Protocollo d'intesa che ha l'obiettivo di favorire e sostenere l'attività fisica tra i disabili. Poi tutti hanno assistito con ammirazione e curiosità alle gare degli alunni di prima, seconda e terza media, che si sono cimentati nella corsa, nel salto in lungo, nel lancio del vortex e nel getto del peso, in un percorso ginnico e nel gioco dei canestri.

«Non potrei essere più soddisfatto per com'è andata la manifestazione - ha dichiarato il Presidente Pascali -. Nonostante il clima torrido, i ragazzi si sono divertiti e si sono scatenati come se fosse una mite giornata di marzo. Sono stati così bravi ed entusiasti, ed il loro impegno è stato così apprezzabile che abbiamo deciso di ritirare la Coppa del 1° classificato perchè sarebbe un torto enorme per tutti gli altri premiare una sola scuola. Tutti hanno ricevuto la targa di partecipazione e gadget vari, ma le classifiche saranno inviate solo ai docenti referenti: per me qui, stamattina, sono arrivati tutti sul gradino più alto del podio».

Le attività motorie, così come era avvenuto anche per "Giocosport" sono state studiate e scelte dallo staff tecnico del Coni, coordinato dal prof. Tommaso Toma e composto da Salvatore Arseni, Roberto Cazzato, Dario Colella, Antonio De Nunzio, Marcello Grimaldi, Giuseppe Lodeserto, Fabio Massari e Antonio Saponaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giochi della gioventù, in 1500 per il gran finale

LeccePrima è in caricamento