Mercoledì, 22 Settembre 2021
Sport

Grossmuller: "Nessuna promessa, solo tanto sacrificio"

Di poche parole, sereno, concentrato. Carlos Grossmuller è pronto a fare la sua parte nel Lecce plasmato da De Canio. Domani il memorial Michetti con Pisticci e Salernitana

Grossmuller.

Non ha ancora preso totale confidenza con l'ambiente ma nel Salento è certo di potersi esprimere al meglio: "Per adesso ho pensato soprattutto ad allenarmi, ma dalle sensazioni che ho credo di aver fatto la scelta giusta". Carlos Grossmuller, i lineamenti che ricordano l'attore Benicio Del Toro, si è messo dalla prima ora a completa disposizione della sua nuova squadra e non vede l'ora di scendere in campo.

La concorrenza a centrocampo non è un problema

Insieme al connazionale Giacomazzi - che in conferenza gli siede accanto nelle vesti di traduttore - e all'argentino Piatti , l'uruguagio esalterà l'accento sudamericano del reparto centrale del Lecce. Ma ci sono anche Vives e Munari, gente che la serie A se l'è guadagnata con il sudore e i chilometri. "La competizione non mi spaventa, anzi. Il problema è per l'allenatore", chiosa il neoacquisto giallorosso. Proprio grazie al tecnico di Matera, il centrocampista di Montevideo confessa di aver avuto con la realtà italiana un impatto diverso da quello al quale era in un certo modo preparato(forse influenzato dal tormentone del catenaccio per il quale all'estero siamo ben noti): "Si vede che ci tiene al tocco di palla; il mister chiede sempre a noi giocatori di non buttare via palloni".

L'esordio nel massimo campionato la farà a San Siro e potrebbe essere un battesimo di fuoco. Ai tempi, ai carichi di lavoro e all'intensità del calcio continentale, Grossmuller non è certo nuovo; dell'esperienza non proprio esaltante allo Schalke 04 (tredici presenze ed un gol nel 2007/2008 per poi essere messo da parte, l'anno successivo, dal tecnico Magath, arrivato esattamente un anno fa sulla panchina del club tedesco) vuole farne tesoro per rilanciarsi definitivamente su un palcoscenico importante come la serie A italiana: "Non so spiegarmi i motivi per i quali le cose in Germania non sono andate benissimo; il primo anno ho giocato anche diverse gare di Champions ma poi ho deciso di cambiare maglia per cercare una maggiore continuità". Grossmuller, nell'ultima stagione, ha disputato 13 gare ( tre gol) con il Danubio, club al quale era stato ceduto in prestito.

Domani triangolare con Pisticci e Salernitana

Alla vigilia della trasferta in Basilicata per il "memorial Michetti" che vedrà impegnato il Lecce contro la squadra locale e la Salernitana (i giallorossi dovrebbero scendere in campo alle 18:00 e alle 19:00), De Canio ha concesso una mezza giornata di riposo, accolta con sollievo dai giocatori. Negli ultimi giorni, infatti, il carico di lavoro è stato pesante ed, evidentemente, il mister è soddisfatto dell'impegno profuso. I giallorossi si sono dunque allenati solo nel pomeriggio - Gustavo si è ripreso dalla botta alla caviglia per la quale era stato costretto a lasciare il terreno di gioco durante la seconda seduta di martedì - svolgendo un lavoro prettamente tattico. E' tempo di affinare i movimenti, perfezionare l'intesa tra i reparti, sciogliere la massa muscolare dopo le ripetute in montagna. Anche a San Siro ci sarà una salita ma il Lecce vuole arrivarci con il fiato sufficiente per vendere cara la pelle al diavolo rossonero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grossmuller: "Nessuna promessa, solo tanto sacrificio"

LeccePrima è in caricamento