menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Hjulmand e Henderson, contro il Chievo.

Hjulmand e Henderson, contro il Chievo.

Per Hjulmand chiamata dell'Under 21. Coda in dubbio per Venezia

Le ottime prestazioni del centrocampista non passano inosservate. Martedì pomeriggio turno infrasettimanale per i giallorossi: anche i lagunari hanno 46 punti e giocano un bel calcio

LECCE - A dieci giornate dal termine della stagione regolare, per il Lecce, quarto in classifica, arriva il confronto diretto proprio con la formazione. il Venezia, con cui condivide attualmente la posizione, a un solo punto dalla coppia formata da Monza e Salernitana. Più distante, invece, la capolista Empoli. 

"Si tratta di una gara molto importante, di cui abbiamo piena consapevolezza - ha dichiarato Eugenio Corini nella conferenza stampa della vigilia -. Siamo nella parte finale della stagione e, a questo punto, ogni partita vale tanto. Noi cercheremo il massimo risultato, ma qualunque verdetto dovesse arrivare dal campo, non molleremo la presa". 

Il coefficiente di difficoltà, d'altra parte, è molto alto: "Il Venezia è una squadra forte, con giocatori di grande qualità. Difende molto bene (terza miglior difesa, ndr) e anche nelle ultime due gare ha fatto bene: con il Brescia meritava almeno il pareggio e ad Ascoli si è fatto raggiungere negli ultimi minuti". 

In Laguna il tecnico dovrà fare a meno dello squalificato Meccariello e di Listkowski che nel corso della rifinitura - come recita una nota del club - ha rimediato "una frattura da stress del quinto metacarso del piede destro". Per il centrocampista offensivo polacco un'altra tegola dopo la tendinite: la sua ultima apparizione risale al 24 gennaio, contro l'Empoli e solo sabato scorso aveva riassaporato il gusto delle convocazione. Per sostituire Meccariello ci sono Pisacane e Dermaku, con il secondo però  reduce da una lunga assenza per problemi muscolari legati agli effetti del Covid. Corini ha poi detto chiaramente che Coda è in dubbio a causa di una botta al polpaccio rimediata contro il Chievo: il parco attaccanti a disposizione di Corini è ampio, ma le valutazioni definitive verranno fatte nella giornata di domani, a poche ore dall'inizio del match (in programma alle 17). Non saranno in ogni caso disponibili Calderoni, Paganini e Monterisi, mentre da ieri è rientrato in gruppo Vigorito. 

Rispetto alla partita vinta per 4 a 2 sabato scorso e alle complicazioni che il Lecce si è creato nella ripresa, l'allenatore dei giallorossi ha così commentato: "Ho rivisto il match, anche nel secondo tempo abbiamo continuato a giocare subendo il secondo gol su una punizione dal limite concessa per un intervento col braccio da parte di Maggio che sembrava più a protezione del volto. Il rigore secondo me non c'era e comunque restiamo nell'ambito degli episodi cone possono cambiare l'inerzia di una gara. L'altra occasione, quella di De Luca, è nata da un nostro errore". A proposito di errori, Corino ha ribadito: "Chi vuole risalire il campo deve assumersi dei rischi, anche se talvolta è più facile liberarsi del pallone. Per fare un certo calcio di proposta devi prenderti delle responsabilità e io penso che alla fine siano più i vantaggi". 

In mattinata è giunta la notizia della convocazione da parte della Nazionale Under 21 della Danimarca per Hjulmand, il giovane centrocampista che Pantaleo Corvino ha prelevato in Austria e che Corini in pochissimo tempo ha reso un perno della squadra giallorossa: "Morten già nei venti minuto contro l'Empoli, appena arrivato, ha confermato di avere le qualità che emergevano dai video che Corvino mi aveva fatto vadere. Ci sta dando tantissimo". Dal 25 al 31 marzo, per le qualificazioni al campionato europeo, la Danimarca affronterà la Francia, l'Islanda e la Russia. 

Infine una considerazione su Maggio, che contro il Chievo ha segnato il suo secondo gol in giallorosso al termine di una bellissima manovra corale: "Se arrivi a 39 anni in queste condizioni sei un grandissimo professionista e lo dimostrano le tante presenze con la Nazionale. Christian è arrivato qui con una grande motivazione, altrimenti sarebbe rimasto a Benevento in serie A dove pure aveva suo spazio. Siamo stati fortunati, è stato bravo il direttore a pescare il difensore più bravo che potessimo prendere. Sicuramente con lui facciamo un tipo di lavoro fisico particolare, soprattutto quando le distanze tra le partite sono brevi, ma lui ha una grande capacità di gestirsi ed è un valore aggiunto per la squadra".

Dopo Venezia, Frosinone: il programma

La società di via Costadura ha diffuso il programma settimanale, considerando che alla trasferta di Venezia seguirà quella di Frosinone: oggi la squadra raggiunge il Veneto con un volo charter mentre domani, al termine del match, sempre in aereo si sposterà a Roma. Presso il centro sportivo dell'Acquacetosa sosterrà due allenamento pomeridiani, mercoledì e giovedì, e uno al mattino di venerdì per poi raggiungere Frosinone in attesa della gara di sabato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento