Domenica, 1 Agosto 2021
Sport

L'addio anticipato di Jeda. E a breve comunicazioni della famiglia Tesoro

Il trequartista brasiliano lascia il club. Rescisso il rapporto in maniera consensuale, nonostante la scadenza fosse prevista nel 2015. La società: "Ha dimostrato serietà, vista l'annata deludente". E martedì è prevista una conferenza stampa sul futuro del club

L'attaccante Jeda.

LECCE – Come sembrano lontani quei momenti, quando, durante il derby in casa del Bari, firmò un gol e “mezzo” (il secondo in coabitazione con Masiello, l’autorete da cui è scaturito l’arcinota querelle sportivo-giudiziaria ancora in corso) che valsero la permanenza in A, pur poi vanificata dalla discussa decisione della Lega. Era il maggio del 2011. Partito poi per Novara, e rientrato a Lecce, in Lega Pro, Capucho Neves “Jeda”, trequartista brasiliano, 34 anni compiuti ad aprile, lascia definitivamente il club giallorosso. 

Nell’annata del sogno infranto e della seconda, grande delusione, dopo la retrocessione a tavolino, Jeda è stato fra i giocatori più rappresentativi del declino. Fra i blasonati che avrebbero dovuto fare la differenza, visto il curriculum non trascurabile, è stato piuttosto proprio fra coloro che non hanno brillato per rendimento. Neanche nel momento d’oro, quando, mister Lerda ancora in panchina, il Lecce macinava punti e la promozione sembrava già cosa fatta.

Il contratto con la società gestita dalla famiglia Tesoro è stato risolto consensualmente. Era in scadenza il 30 giugno del 2015, quindi il brasiliano avrebbe potuto vestire la casacca giallorossa ancora a lungo. Ma, come recita una scarna, per quanto significativa, nota dell’Unione sportiva Lecce, si “tiene ad evidenziare la serietà dimostrata dal calciatore, che, pur vantando altri due anni di contratto, consapevole dell'attuale situazione e dell'annata deludente, ha deciso di prendere tale decisione”. 

Artefice di cinque reti in stagione, ha toccato il suo apice, quest’anno, solo nella gara del 14 aprile scorso, quando, a Reggio Emilia, ha rifilato una doppietta ai padroni di casa. Per il resto, prestazioni spesso incolori, al limite della sufficienza, e acciacchi, hanno inficiato sul produttività.  

Solo ieri, i salentini avevano trovato l’accordo per acquisire dal Chievo l’intero cartellino del centrocampista albanese Ledian Memushaj. Cedendo intanto l’attaccante Daniele Corvia a titolo definitivo al Brescia. Insomma, già i primi movimenti lasciano presagire qualche novità. Che sarà a breve comunicata nel corso di una conferenza indetta per martedì prossimo, alle 10,30, nella sala stampa del Via del Mare, alla presenza del presidente Savino Tesoro. La sensazione – ma sono per ora solo voci - è che in quella sede Tesoro club ufficializzerà l’intenzione di rimanere alla guida del club, anche perché da tempo si rincorrono voci. E che a questa decisione, seguirà un repulisti generale. L’addio di Jeda è probabilmente la prima spia di queste intenzioni.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio anticipato di Jeda. E a breve comunicazioni della famiglia Tesoro

LeccePrima è in caricamento