L’Hiwashita si conferma per la sesta volta regina del trofeo “Open Magna Grecia"

Gli atleti della palestra gallipolina hanno portato a casa oltre sessanta medaglie e si sono classificati ancora una volta al primo posto nella graduatoria per società

Gli atleti della palestra Hiwashita

GALLIPOLI - Ancora una volta la conferma sul gradino più alto del podio per i giovani atleti e i maestri della palestra Hiwashita di Gallipoli che nei giorni scorsi hanno partecipato al VI° trofeo nazionale “Open Magna Grecia” di ju-jitsu che si è svolto presso il palazzetto dello sport “Palamazzola” di Taranto. Per la sesta volta consecutiva il sodalizio gallipolino ha primeggiato nel torneo, organizzato dall'associazione sportiva dilettantistica Biolife Sport Club del maestro Raffaele Buovolo, incamerando complessivamente oltre sessanta medaglie. Un appuntamento agonistico quello tarantino che ha visto la presenza di 270 atleti e 15 società sportive rappresentate provenienti da diverse regioni italiane.

Alla manifestazione il team gallipolino (guidato dai maestri Luigi e Antonio Roccadoro, Cosimo Greco, Luciano Perrone, Mattia Greco e Giulio Borgese) si è presentato con trentacinque atleti ed ha preso parte a tutte e le specialità previste conquistando un ricco palmares di ben 38 medaglie d'oro, 14 d'argento e 13 di bronzo, e nella classifica finale per società si è piazzato al primo posto conquistando il sesto trofeo consecutivo dell’Open Magna Grecia e staccando con quasi il doppio dei punti la seconda classificata, la Biolife Taranto.

“L’ennesima grande prova, come sempre, di grande carattere per i nostri atleti che si sono messi in luce con entusiasmo e vitalità portando a casa un considerevole bottino di medaglie distinguendosi in tutte le prove dopo stressanti allenamenti e molti sacrifici e considerando anche il fatto che nelle nostre fila avevamo molte assenze di rilievo” hanno commentato i maestri Luigi e Antonio Roccadoro con tutti gli altri istruttori “un plauso corale va a tutti i nostri atleti ma in particolar modo ne rivolgiamo uno alla nostra campionessa Sheron Corina che ha conquistato quattro medaglie d'oro in tutte e quattro le specialità in cui ha gareggiato. Per l'ennesima volta la scuola Hiwashita ha confermato di essere una delle squadra più rappresentative  del territorio, a conferma dell'ottimo lavoro effettuato dai preparatori e è un doveroso grazie di cuore va anche a tutti i genitori dei nostri atleti”.

Gli atleti premiati a livello individuale che hanno conquistato sessantacinque medaglie complessive sono:  Sheron Corina (4 ori), Denise Roccadoro (3 ori), Evelina Roccadoro (3 ori), Giorgio Perrone (3 ori), Mattia Greco (3 ori), Luciano Perrone (2 ori, un argento), Antonio Fiore (2 ori, un argento), Alessandro Barone (2 ori, un argento, un bronzo), Antonio Magno (2 ori), Francesco Della Rocca (2 ori), Antonio Rizzello (2 ori), Giuseppe Luigi Roccadoro (1 oro, due argenti), Gaia Scorrano (1 oro, un argento,  un bronzo), Davide Cataldi (1 oro, un argento, un bronzo), Giulio Borgese (1 oro, un argento), Andrea Solidoro (1 oro, un argento), Marco Sansò (1 oro, un bronzo), Arianna De Ceglie (1 oro), Sara De Ceglie (1 oro), Cecilia Cataldi (1 oro), Ezio Piccolo (1 oro), Mattia Fracasso (3 argento), Federico Muscogiuri (2 argento), Michele Greco (1 argento), Giorgia Roccadoro (1 bronzo), Caterina Greco (1 bronzo), Alessandro Tricarico (1 bronzo), Matteo Greco (1 bronzo), Ivan Sansò (1 bronzo), Manuel Pizzileo (1 bronzo), Angelo Santantonio (1 bronzo), Vincenzo Greco (1 bronzo), Daniel Francesco Polo (1 bronzo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

Torna su
LeccePrima è in caricamento