Lecce, inutile assedio: il portiere salva l'Akragas. Rigore negato nel finale

Gara tutta all’attacco per i giallorossi che sciupano occasioni clamorose. Traversa di Mancosu, un gol annullato a Di Piazza per fuorigioco, ma nel recupero il penalty per trattenuta è evidente

Il fallo in area su Dubickas.

LECCE – Non basta un lunghissimo assedio per superare l’Akragas che deve ringraziare un portiere eccezionale e un arbitro che non concede un rigore solare quando Dubickas viene trattenuto nel momento di ribattere a rete, in pieno recupero. Al termine della partita il Lecce è uscito comunque tra gli applausi e del resto una goleada non avrebbe fatto una piega. Bisogna anche dire che in più di una circostanza i giallorossi hanno mancato occasioni clamorose.

Primo tempo

Mister Liverani riparte dalla formazione di Caserta, con Pacilli dietro le punte Caturano e Di Piazza. Di quest’ultimo la prima conclusione, fuori misura, dopo una veloce ripartenza innescata da un provvidenziale recupero di Lepore, al minuto 6. Subito dopo Pacilli, sul versante destro dell’area di rigore, ha un buono spunto ma il suo tiro è abbondantemente fuori dallo specchio della porta difesa da Vono.

Al 10’ Marino vicinissimo al gol: il suo colpo di testa da posizione ravvicinata viene casualmente deviato da un avversario in corner. Ospiti pericolosi al 12', prima con un tocco di Carrotta respinto da Perucchini e poi un tiro di Parigi terminato sul fondo. Il Lecce trova qualche spazio in più sulla sinistra grazie al dinamismo di Di Matteo e sugli sviluppi di un corner il traversone di Arrigoni diventa un quasi gol scongiurato da Vono. Tocca a Pacilli andare a un passo dalla marcatura, ma il suo tiro è respinto dell’estremo biancazzurro.

Al 21’ Di Piazza guadagna una punizione dal limite: calcia Pacilli, la barriera respinge. Elegante passaggio di tacco di Mancosu per Di Matteo che viene affondato da Saitta poco prima di varcare il limite dell’area di rigore: punizione e ammonizione per Saitta. Lepore si incarica del calcio piazzato, Vono respinge e poi subisce una carica. Al 32’ gran tiro di Mancosu dopo un bell’aggancio e una efficace progressione, ma Vono non si fa sorprendere. Non è da meno Perucchini che al 45’ vola a deviare un tiro di Vicente destinato a insaccarsi nel sette.

Secondo tempo

Il Lecce riparte con Tsonev per Armellino, Mancosu si sposta nella posizione di interno destro. Al 48’ Di Piazza si invola verso l’area ma, sbilanciato, non riesce a tenere l’equilibrio, subito dopo il tiro di Mancosu sfiora il palo alla destra di Vono. Il centrocampista sardo serve un delizioso assist per Di Piazza ma l’attaccante non è cinico nella conclusione ravvicinata. Al 54’ Tsonev, sulla linea della difesa, sbaglia un appoggio facile ma l’Akragas non sfrutta l’occasione. Nell’azione successiva Caturano brucia in corsa Mileto e giunto sul fondo mette al centro verso il dischetto ma un avversario intercetta.

Il Lecce va in gol al 56’ ma Di Piazza commette un errore notevole: in di off side toglie la conclusione dai piedi di Pacilli, che invece era in posizione regolare, per superare Vono. Giusta la decisione di Zanonato.  Nell’Akragas il primo cambio vede l’ingresso di Gjuci per Saitta. Al 64’ Marino in allungo corregge un cross di Arrigoni ma senza la necessaria angolazione.  Al 65’ Liverani manda in campo Torromino per Caturano e Costa Ferreira per Pacilli. Il portoghese va subito al tiro su respinta corta della difesa, ma la conclusione è al lato.  Al 69’ Di Piazza, a pochi metri da Vono, non riesce a raccogliere un cross di Mancosu che nell’azione successiva coglie in pieno la traversa. L’allenatore degli ospiti inserisce Moreo per Parigi.

Ancora un gran tiro di Mancosu ma Vono si supera e devia in corner. Al 78’ l’estremo respinge su Tsonev.  Rotulo prende il posto di Salvemini per l'ultima sostituzione degli ospiti. Liverani inserisce anche Dubickas richiamando Tsonev dopo quaranta minuti dall’ingresso del bulgaro.  All’86’ girata al volo di Di Piazza di poco alta sulla traversa.  Al 90’ Costa Ferreira controlla male un cross di Torromino e manca l'appuntamento con il gol. In pieno recupero Dubickas prima e Di Piazza poi, nella medesima azione, vengono platealmente trattenuti ma l’arbitro Zanonato nega il rigore ai padroni di casa. Vicente espulso per fallo su Mancosu, Cosenza affretta l’uscita dell’avversario e rimedia l’ammonizione che gli costa la squalifica provocando anche il fastidio di Liverani che in sala stampa ha ribadito di non tollerare "isterismi". Finisce 0 a 0, quanto basta per rimanere in testa alla classifica: stasera è in programma Siracusa-Catania con gli etnei a quattro lunghezze dai giallorossi.

Il tabellino di Lecce-Akragas 0 a 0

LECCE (4-3-1-2): Perucchini; Lepore (cap.), Drudi, Cosenza, Di Matteo; Armellino (46’ Tsonev) (84’ Dubickas), Arrigoni, Mancosu; Pacilli (65’ Costa Ferreira); Caturano (65’ Torromino), Di Piazza. A disposizione: Chironi, Vicino, Riccardi, Valeri, Megelaitis, Lezzi, Ciancio, Gambardella. Allenatore: Liverani

AKRAGAS (3-5-2): Vono; Mileto, Danese, Russo (cap.); Saitta (59’ Gjuci), Carrotta, Vicente, Longo, Sepe; Salvemini (79’ Rotulo), Parigi (71’ Moreo). A disposizione: Amelia, Ioio, Navas, Caternicchia, Canale, Greco, Franchi, Scrugli, Pisani. Allenatore: Di Napoli

Ammoniti: 28’ Saitta, 58’ Salvemini, 62’ Russo, Cosenza al 90+3

Espulsi: Vicente al 90+3

Arbitro: Zanonato di Vicenza; assistenti: Rotondale dell’Aquila, Catamo di Saronno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spettatori: 8563 di cui 6649 abbonati e 1887 paganti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento