Lecce attento e lineare: Bastoni lancia l'Inter, Mancosu la riprende

Ottimo risultato per la squadra di Liverani che gioca con generosità e gran lucidità. Palo di Brozovic nel primo tempo e di Falco nella ripresa. In rete il difensore nerazzurro e il capitano dei giallorossi

Il gol di Mancosu.

LECCE - Il girone di ritorno inizia per il Lecce con un incoraggiante pareggio contro l'Inter. I salentini hanno concesso agli avversari l'onere di fare la partita, rimettendoci quindi in termini di possesso palla, di conclusioni e calci piazzati, ma al termine della gara il risultato non fa una grinza perché i padroni di casa hanno avuto il merito, grazie a Mancosu, di riprendere subito gli ospiti, in vantaggio con Bastoni appena entrato al posto di Godin. Poco è mancato, a dirla tutta, a che i salentini portassero a casa i tre punti come testimonia il palo scheggiato da Falco su punizione al minuto 81 che fa il paio con quello colto da Brozovic nella prima parte.

Dopo quattro sconfitte consecutive il pubblico giallorosso ritrova il sorriso, anche per aver infilitto un dispiacere al tecnico dei nerazzurri, Antonio Conte, più volte bersagliato. Per capitan Mancosu, inoltre, la soddisfazione di aver segnato all'Inter dopo averlo fatto alla Juventus nel girone d'andata. 

Primo tempo

Liverani, per la prima volta nella stagione, opta per un modulo di 3-5-2 e per la prima volta Tachtsidis parte dalla panchina. Il tecnico del Lecce schiera un centrocampo quantitativamente speculare a quello degli ospiti. Babacar e Lapadula compongono la coppia di attacco.

Al 3’ due occasioni per l’Inter: la prima, in realtà, è un retropassaggio di testa di Rispoli che impegna Gabriel in una respinta in tuffo, la seconda vede un tiro di Lukaku, con traiettoria a girare, che termina di poco al lato. Al 7’ è Mancosu a fallire una grande opportunità, calciando oltre la traversa a una manciata di metri dalla porta, dopo un cross di Rispoli leggermente deviato da Babacar.

L’Inter controlla la partita, fa un buon giro palla ma senza alzare mai il ritmo più di tanto, mentre il Lecce attende con ordine, spesso anche con tutti gli uomini dietro la linea della palla. Donati rischia l'espulsione al 20': l'arbitro Giacomelli punisce la sua entrata in ritardo su Sensi con il cartellino giallo e resta dello stesso avviso dopo aver rivisto l'episodio al monitor, a bordo campo. Al 29’ Brozovic prova a estrarre il coniglio dal cilindro e colpisce il palo con un tiro dalla media distanza, al termine di un fraseggio veloce. La squadra milanese sembra intensificare il ritmo, ma è solo un accenno di cambio di passo: Gabriel si fa trovare pronto al 31’ su tentativi del croato, prima con un tiro e poi con un colpo di testa sulla respinta del portiere. Nel secondo minuto di recupero Sensi, in area di rigore, colpisce con il braccio un colpo di testa di Babacar e l’arbitro fischia il calcio di rigore ma, dopo il controllo al monitor, il direttore di gara ritorna sui propri passi. 

Secondo tempo

Buona partenza del Lecce nella ripresa: al 47’ Babacar ci prova dal limite, il suo tentativo termina un metro al lato del secondo palo. Risponde l’Inter con un tocco al volo di Lautaro Martinez su cross di Biraghi: l'intuizione è buona, ma la sfera termina oltre la traversa. Al 53’ Handanovic para a terra una conclusione di Rispoli. Majer prende il posto di Lapadula al minuto 62, con Mancosu che va a dare una mano a Babacar davanti.

Al 68’ Bastoni entra per Godin, non certo in grandi condizioni fisiche. Al 71’ Gabriel devia in corner un tiro di Sensi e sugli sviluppi del calcio piazzato l’Inter va in vantaggio con Bastoni, che di testa svetta sul primo palo e realizza. Il Lecce non si disunisce, Liverani inserisce Falco per Rispoli e la squadra leccese trova praticamente subito il pareggio: azione insistita dei giallorossi, tiro di Donati che diventa un passaggio per Majer che crossa al centro dove capitan Mancosu, al volo col piede destro, lascia Handanovic di sasso. 

Al minuto 81 Deiola, autore di una prestazione di spessore, guadagna un calcio di punizione dal limite: calcia Falco e il pallone colpisce l'esterno del palo. Doppia sostituzione per mister Conte: dentro Borja Valero e Sanchez per Brozovic e Sensi, mentre Meccariello entra per Mancosu e va a rinforzare il reparto difensivo. Il Lecce tiene molto bene anche nella parte finale della partita e Petriccione mantiene alta la lucidità e la precisione delle sue scelte fino alla fine. 

Dopo quattro minuti di recupero Giacomelli decreta la fine di un match che restituisce una squadra, quella di casa, compatta, generosa e anche lineare nella sua organizzazione, volutamente improntata a un assetto di copertura e ripartenza. Con il recupero di Majer e i positivi inserimenti nell'organico di Donati e Deiola, il Lecce assume già una consistenza diversa, in attesa delle prossime mosse di mercato: per Acquah e Saponara sembra davvero la volta buona.

Qui le dichiarazioni di Liverani e Conte al termine della partita

Il tabellino di Lecce-Inter 1 a 1

LECCE (3-5-2): Gabriel; Lucioni, Rossettini, Dell’Orco; Rispoli (76’ Falco), Deiola, Petriccione, Mancosu (cap.) (84’ Meccariello), Donati; Lapadula (62’ Majer), Babacar. A disposizione: Vigorito, Chironi, Riccardi, Vera, Gallo, Maselli, Tachtsidis. Allenatore: Liverani

INTER (3-5-2): Handanovic (cap.); Skriniar, De Vrij, Godin (68’ Bastoni); Candreva, Barella, Brozovic (83’ Borja Valero), Sensi (84’ Sanchez), Biraghi; Lautaro Martinez, Lukaku. A disposizione: Padelli, Berni, Ranocchia, Lazaro, Di Marco, Esposito, Pirola, Agoume. Allenatore: Conte

Marcatori: 72’ Bastoni, 77’ Mancosu

Ammoniti: 20’ Donati, 32’ Candreva, 88’ Borja Valero, 93’ Meccariello

Arbitro: Giacomelli di Trieste, assistenti: Liberti di Pisa e Bottegoni di Terni; quarto ufficiale: Marini di Roma 1.

Var: Guida di Torre Annunziata; assistente Var: Fiorito di Roma

Spettatori 7203 paganti e 18763 abbonati.

La prima giornata di ritorno

Risultati: Lazio-Sampdoria 5 a 1; Sassuolo-Torino 2 a 1; Napoli-Fiorentina 0 a 2; Milan-Udinese 3 a 2; Lecce-Inter 1 a 1; Brescia-Cagliari 2 a 2; Bologna-Verona 1 a 1; Genoa-Roma 1 a 3; Juventus-Parma 2 a 1; Atalanta-Spal (lunedì, ore 20.45) 

Classifica: Juventus 51; Inter 47; Lazio 45; Roma 38; Atalanta 35; Cagliari 30; Parma e Milan 28; Torino 27; Verona 26; Napoli, Bologna, Fiorentina, Udinese 24; Sassuolo 22; Sampdoria 19; Lecce 16; Brescia 15; Genoa 14; Spal 12.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

Torna su
LeccePrima è in caricamento