Martedì, 15 Giugno 2021
Sport

Cuore e coraggio più forti delle avversità: il Lecce vince col capolavoro di Lepore

I giallorossi superano la Juve Stabia con il risultato di 1 a 0. Il goal vittoria è di Franco Lepore, autore di un tiro dalla distanza che non lascia scampo a Pisseri. Sacilotto costretto a uscire dopo pochi minuti, ma Bollini disegna una squadra che non concede nulla

Lepore ed Herrera dopo il goal (foto Chilla).

LECCE - A nove minuti dal 90' Franco Lepore manda in visibilio i 3612 spettatori che hanno sfidato una serata gelida per assistere alla sfida contro la Juve Stabia, terza in classifica. Con un tiro dalla distanza, potente e preciso, scoccato raccogliendo la respinta di un difensore su una conclusione al volo di Moscardelli, il centrocampista leccese ha gonfiato la rete regalando alla sua squadra un successo meritato, conquistato con il cuore e il coraggio, senza nulla concedere ad un avversario che ha giocato solo di rimessa su un terreno di gioco reso molto pesante dalla pioggia incessante. 

Nell'esultanza prolungata sotto la Curva Nord c'è la fotografia della rabbia passionale di un calciatore che - non a caso sotto la maglia da gioco ne indossa una con la scritta "forte de capu" - si è fatto carico di tutte le difficoltà che il Lecce ha incontrato, prima e durante la gara: le squalifiche di Salvi e Filipe Gomes, l'infortunio di Papini a Caserta e quello di Sacilotto al 12' hanno privato Bollini di tutta la linea mediana, ma Lepore ha preso la squadra per mano e, con l'aiuto di un Mannini tornato ad alti livelli e con il sacrificio degli altri compagni, è riuscito a piegare la resistenza stabiese. 

Il Lecce ci ha creduto sempre nel risultato pieno, ma ha costruito il suo successo nella parte centrale del secondo tempo quando ha messo alle corde la Juve Stabia che forse non pensava che i vari Gustavo, Embalo, Beduschi, Herrera fossero in grado di mantenere nervi saldi e geometrie, cercando una costruzione del gioco semplice, ma ragionata. Il rovescio della medaglia è una squadra spuntata, nella quale mister Pancaro ha sostituito tutta la linea offensiva, sterilizzata dai difensori salentini, attenti e concreti. 

Prima del goal vittoria i giallorossi erano andati vicini al vantaggio per due volte con Moscardelli, prima di testa e poi su punizione: in entrambe le circostanze Pisseri è riuscito a deviare in corner, ma già nelle prima frazione Lopez, con un gran tiro al 2', e lo stesso Moscardelli, al 16', avevano fatto capire che il Lecce voleva l'intera posta in palio, che vale il terzo posto e una iniezione di fiducia importante dopo la sconfitta a Caserta.

Peccato che sia l'attaccante che il laterale uruguagio siano stati ammoniti dall'arbitro Marini, a tratti indisponente e comunque eccessivamente fiscale soprattutto nell'episodio del giallo sventolato in faccia a Moscardelli, reo di aver ecceduto nelle proteste dopo aver reclamato la sanzione per l'avversario che lo aveva fermato pochi secondi prima senza troppi complimenti.Entrambi erano diffidati e salteranno la gara di mercoledì contro la Salernitana, ma il Lecce di oggi ha dimostrato di poter gettare il cuore oltre l'ostacolo. E l'urlo liberatorio di Papini, spettatore nel palco riservato al club salentino dove hanno trovato posto anche la famiglia Tesoro e gli altri giallorossi costretti allo stop, è il segnale di una battaglia che i salentini vogliono combattere fino all'ultimo secondo. Nonostante tutto.

Il tabellino di Lecce – Juve Stabia 1 a 0

JUVE  STABIA (4-3-3): Pisseri; Romeo, Polak, Migliorini, Contessa; Jiday (cap.), Burrai, La Camera (64’ Bombagi); Nicastro, Di Carmine (59’ Ripa), Gammone (75’ Carrozza). A disposizione: Santurro, Cancellotti, Caserta, Lepiller. Allenatore: Pancaro

LECCE (4-3-3): Caglioni, Mannini, Diniz (cap.), Vinetot, Lopez;, Lepore, Sacilotto (12’ Beduschi), Herrera; Doumbia (58’ Embalo), Moscardelli, Gustavo (84’ Di Chiara). A disposizione: Scuffia, Parlati, Manconi, Miccoli. Allenatore: Bollini

Marcatori:  81’ Lepore

Ammoniti: 20’ Lopez, 30’ Moscardelli, 55’ Ripa, 63’ Romeo, 81' Lepore, 90+4 Di Chiara

Arbitro: Marini di Roma                

Spettatori: 3612 di cui 2229 abbonati e 1383 paganti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuore e coraggio più forti delle avversità: il Lecce vince col capolavoro di Lepore

LeccePrima è in caricamento