menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Meccariello e Boateng (foto Chilla).

Meccariello e Boateng (foto Chilla).

Il Lecce aspetta il Monza e poi prova la sorpresa: le squadre si dividono la posta

Partita di grande accortezza tattica da parte della squadra di Corini. Nel primo tempo il Monza fa qualcosa di più, ma senza impensierire tanto Gabriel, nella ripresa vengono fuori alla distanza i salentini

LECCE - Un buon pari nella prima uscita del 2021: il Lecce può trarre motivi di fiducia dallo scontro diretto col Monza. Segnali positivi sul piano dell'attitudine mentale e tattica e pazienza che sia mancato il gol, anche perché la porta di Gabriel è rimasta inviolata al cospetto di un avversario solido e tecnicamente molto dotato (seppur privo di Dany Mota e Balotelli). 

Primo tempo

Il Monza scende in campo senza Balotelli che durante il riscaldamento accusa un problema muscolare. L’inizio di gara vede il Lecce muoversi in maniera molto accorta e l’iniziativa passa subito agli ospiti anche perché più reattivi nell’asfissiare le linee di passaggio dei giallorossi.

Al 5’ cross basso di Frattesi, ben servito da Boateng: Dermaku sbroglia la matassa respingendo; al minuto 11 Barillà ci prova di testa, non inquadrando la porta. Il primo sussulto del Lecce è al 15’, con Mancosu che batte a sorpresa una punizione dal cerchio di centrocampo, Di Gregorio segue con preoccupazione la parabola che sorvola la traversa. Majer entra per Paganini, che accusa un problema muscolare.

Al 41’ Mancosu su calcio piazzato indirizza in area di rigore dove Meccariello devia di tacco, ma l’estremo brianzolo anticipa Coda. Nel recupero colpo di testa di Zuta, posizionato poco dietro il dischetto del calcio di rigore, il pallone termina al lato.

Secondo tempo

Nella ripresa lo spartito cambia con il Lecce più ordinato e compatto del Monza che perde smalto nell'impostazione della manovra in conseguenza di un atteggiamento comprensibilmente meno aggressivo sul possesso palla dei salentini. I padroni di casa continuano a puntare sulle ripartenze, rimanendo molto ordinati, con i reparti sempre o quasi coordinati nei movimenti.

Coda dalla trequarti lancia Stepinski che sbaglia il controllo dal quale sarebbe potuto scaturire un tiro oppure un appoggio per l'accorrente Henderson. Il Monza reclama per un contatto tra Tachtsidis e Barberis in area di rigore, ma il greco usa bene il corpo: l'arbitro che segue da vicino l'azione non fa una grinza. Poco dopo qualche protesta viene dal Lecce perchè Stepinski, seguito da Donati, finisce a terra: anche in questa occasione, nulla di fatto. Corini, che ogni tanto ha bisogno di rifiatare a causa dei postumi del Covid, inserisce Listkowsky per Henderson (60'); Brocchi risponde con Maric per D'Errico (66'): il neo entrato ha subito una buona opportunità, ma la sua conclusione in diagonale è facile preda di Gabriel. Dentro anche Armellino per Frattesi (72') e Sampirisi per Carlos Augusto (73'), che chiede di essere sostituito. Biorkengren prende il posto di Stepinski (79'), poi Marin quello di Boateng (83'). 

Al minuto 84' Meccariello di testa devia provvidenzialmente in corner, rischiando però di centrare lo specchio della sua porta. Al termine del tempo regolamentare Bellusci si becca un cartellino rosso per un fallo pericoloso su Tachtisidis. Da una distanza di circa 25 metri ci prova Mancosu: la sua parabola è buona, ma non abbastanza e la sfera termina oltre la traversa. In superiorità numerica il Lecce spinge sull'acceleratore mentre scorre il lungo recupero concesso dal direttore di gara, con il Monza racchiuso nella sua metà campo: sugli sviluppi del secondo corner consecutivo c'è una mischia in area di rigore con Dermaku che tira e manca di poco il gol. 

Il pareggio sancito dal triplisce fischio di Marinelli è un risultato incontestabile: il Lecce per la prima volta nel torneo ha preso la forma dell'avversario e ha limitato al minimo gli errori gratuiti - alcuni in ripartenza con Tachtsidis , mentre Gabriel non è stato chiamato a nessun intervento decisivo (nemmeno Di Gregorio). Il rientro di Dermaku si è fatto sentire e anche Meccariello ne ha giovato: in altre parole l'assenza di Lucioni non ha condizionato il reparto difensivo. Terzo risultato utile di fila, secondo pareggio, e ora una pausa di due settimane durante le quali Corini riprenderà le redini delle sedute di allenamento, nell'attesa che le operazioni di mercato possano apportare delle novità all'organico. 

Il tabellino di Lecce-Monza 0 a 0

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Adjapong, Dermaku, Meccariello, Zuta; Paganini (18’ Majer), Tachtsidis, Henderson (60 ‘ Listkoswki); Mancosu (cap.); Coda, Stepinski (78’ Bjorkengren). A disposizione: Bleve, Vigorito, Rossettini, Monterisi, Pierno, Dubickas, Calderoni, Lo Faso, Maselli. Allenatore: Corini

MONZA: Di Gregorio; Donati, Bellusci, Bettella, Carlos Augusto (73’ Sampirisi); Barillà, Barberis, Frattesi (72’ Armellino); Boateng (82’ Marin), Gitkjaer, D’Errico (cap.) (66’ Maric). A disposizione: Lamanna, Sommariva, Fossati, Scaglia, Colpani, Lepore, Pirola. Allenatore: Brocchi

Ammoniti: 6’ Mancosu, 7’ Bettella, 14’ Tachtsidis, 90+1 Dermaku

Espulso: 90' Bellusci

Arbitro: Marinelli di Tivoli; assistenti: Perrotti di Campobasso e Raspollini di Livorno; quarto ufficiale: Giacomo Camplone di Pescara

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento