Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sport

La Supercoppa di Lega Pro al Padova, ma il Lecce alza al cielo il trofeo più atteso

I biancorossi di mister Bisoli vincono contro i giallorossi per 1 a 0 dopo aver liquidato il Livorno nella prima sfida. Si chiude un anno memorabile, quello del ritorno dei giallorossi nel calcio che conta

Foto di gruppo per la grande famiglia del Lecce.

LECCE – Il Padova vince la Supercoppa di Lega Pro imponendosi 1 a 0 a Lecce. I veneti, forti del 5 a 1 contro il Livorno nella prima delle tre sfide per il trofeo, sono passati in vantaggio al 15’ con Cappelletti grazie ad un errore grossolano di Perucchini che ha deviato goffamente nella propria porta un tiro dalla distanza.

Nel complesso i biancoscudati di mister Bisoli sono apparsi più fluidi nella manovra, ben assortiti tecnicamente e con una condizione fisica decisamente migliore di quella dei giallorossi ai quali è certamente venuta meno la dose necessaria di concentrazione per disputare partite decenti subito dopo aver raggiunto la promozione in serie B. Non certo un dramma considerando che l’unico vero obiettivo è stato centrato e dopo sei anni il Lecce è finalmente tornato nel calcio che conta.

Giusto dunque chiudere l’anno sportivo tra gli applausi e i riconoscimenti, a partire dalla coppa consgenata dal presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, per la vittoria del girone C. Anche l’amministrazione comunale ha voluto rendere omaggio al sodalizio calcistico consegnando una targa con il sindaco, Carlo Salvemini, il vice sindaco, Alessandro Delli Noci e l’assessore allo sport, Paolo Foresio. Ciccio Cosenza, capitano per l’occasione, è stato premiato da Alessandro Adamo per le 100 partite in giallorosso. Il traguardo è stato tagliato in occasione della gara contro il Racing Fondi il 15 aprile.

Enzo Petrachi e i Sud Sound System, al termine della gara, hanno intrattenuto gli oltre 4mila spettatori presenti con i brani che sono stati e saranno la colonna sonora del sentimento giallorosso e dell'identità di un territorio che si riconosce nei colori della sua squadra: "Mieru pezzetti e cazzotti", "Simu leccesi", "Le radici ca tieni". La lunga stagione degli appuntamenti ufficiali si chiude con la squadra, lo staff tecnico e i dirigenti sotto la Curva Nord a esibire, e condividere, il trofeo meritatamente conquistato.

Il tabellino di Lecce-Padova 0 a 1

LECCE (3-5-2): Perucchini; Marino (46’ Costa Ferreira), Cosenza (cap.), Legittimo; Ciancio (46’ Tsonev), Armellino, Arrigoni, Mancosu (89’ Lepore), Valeri; Saraniti (75’ Tabanelli), Di Piazza (46’ Persano). A disposizione: Chironi, Vicino, Di Matteo, Pacilli, Lezzi, Gambardella, Selasi. Allenatore: Coppola

PADOVA (3-5-2): Bindi (75’ Merelli); Ravanelli, Trevisan, Cappelletti; Salviato, Pulzetti (cap.) (60’ Bellemo), Serena (85’ Piovanello), Belinghieri, Contessa (60’ Zambataro); Marcandella (60’ Cisco), Capello. A disposizione: Pinzi, Fabris, Russo, Zivkov. Allenatore: Bisoli.

Marcatori: 15’ Cappelletti

Arbitro: Zufferli di Udine; assistenti: Colizzi di Albano Laziale e Vettorel di Latina

Spettatori 4213

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Supercoppa di Lega Pro al Padova, ma il Lecce alza al cielo il trofeo più atteso

LeccePrima è in caricamento