Mercoledì, 4 Agosto 2021
Sport

Lecce-Pisa, oltre in 20mila per continuare a sognare

Massimo riserbo sulla tattica e sulla formazione. E intanto, si prospetta il pieno di presenze allo stadio. Da Pisa in arrivo un migliaio di sostenitori. Tandem d'attacco Tiribocchi-Abbruscato?

Nord1

Effervescente come in certe giornate di grazia, o chiuso a riccio e con gli aculei spianati come nella semifinale d'andata? Giuseppe Papadopulo non apre bocca e non mostra nulla. Come già fatto prima di partire alla volta di Pisa, il tecnico del Lecce prova gli schemi a porte chiuse e non rilascia dichiarazioni. Per evitare che si comprenda quale tattica adotterà. E per scansare fraintendimenti, come spiegato dal direttore sportivo Guido Angelozzi ieri alla stampa. Di recente, alcune uscite del tecnico hanno generato polemiche a fiumi. Equivoci o interpretazioni giuste? Meglio lasciar perdere controversie nocive per il fegato. Di tutti. Specie alla vigilia di una gara così delicata. I toscani, usciti scottati dalla partita d'andata, non hanno scelta: per raggiungere le finali devono battere i salentini. Meglio, devono strapazzarli, con un divario di almeno due reti. Perché il Lecce è arrivato terzo, e questo ha un peso sulla bilancia dei playoff. Alla peggio, i salentini potrebbero persino perdere con un solo gol di scarto. In ogni caso, sarebbe finale, con Albinoleffe o Brescia.

Un'impresa, per Giampiero Ventura, anche se il suo Pisa - proprio come il Lecce - ha sempre dato il meglio di sé in trasferta. Facile ipotizzare una squadra lanciata sull'offensiva, che specie nei primi minuti cercherà di scardinare le maglie ferrate del solido centrocampo giallorosso e trovare la chiave di volta per aggirare la difesa. Prima di partire nel Salento il tecnico dei toscani ha scritto sulla lavagna una frase che suona come un'iniezione di fiducia, per i suoi: "Si devono presentare solo giocatori che vogliono vincere a Lecce 2 a 0". Toscani allo sbaraglio? Certo è che la gara di Pisa ha evidenziato, semmai vi fossero stati dubbi, tutta le tensione che si respira in uno spareggio "forzato" dalle regole imposte negli ultimi anni. I playoff mettono a nudo proprio questo aspetto. Sperare di vedere il bel gioco forse è una chimera. Si spiega così la decisione - mai adottata prima - di lasciare Tiribocchi isolato in avanti, con un centrocampo affollato come un camping d'estate (ben cinque centrocampisti, e qualcuno dice persino sei, considerando il ruolo di Angelo). Una scelta che non ha premiato l'estetica, ma che ha favorito la concretezza. Complice un Tiribocchi in gran spolvero. "Un Tir, un gol", hanno chiosato i tifosi giallorossi.

Neanche il Pisa, deputato a fare la gara, ha deliziato la platea. E' stato più aggressivo, ma questo era scontato. E s'è avvicinato a Benussi solo in virtù di qualche svarione difensivo, compreso nell'occasione del gol annullato per fuorigioco a Castillo. Dunque, nulla trapela ed è difficile capire come si schiererà il Lecce. A rigor di logica, Tiribocchi, questa volta, dovrebbe essere affiancato da un attaccante. L'assenza di Valdes (che però potrebbe recuperare, dopo l'infortunio, almeno per l'eventuale finale di ritorno) lascia ipotizzare l'impiego di Abbruscato. In tal caso, Vives potrebbe riaccomodarsi in panchina. Così come altri giocatori, in un naturale turnover. Certo è che se dovesse andare avanti in quest'avventura, il Lecce ritroverebbe Diamoutene, che, grazie all'interessamento del suo procuratore, come si è appreso nei giorni scorsi, sarà disponibile fin dalla prossima settimana. La Federazione calcistica del Mali, impegnata nelle eliminazioni per i mondiali, ha dato il placet, dopo un lungo braccio di ferro in cui al primo round l'avevano spuntata gli africani.

Intanto, continua senza sosta la vendita di biglietti. Oltre 15mila sono quelli venduti, l'Unione sportiva Lecce ipotizza che si possa raggiungere ed oltrepassare la soglia delle 20mila presenze. Da Pisa dovrebbero giungere 800-1.000 tifosi al seguito, che troveranno spazio nel settore ospiti. C'è tempo fino alle 20 di domani per acquistare i pochi tagliandi rimasti a disposizione. Si potranno trovare presso le seguenti rivendite di Lecce: Molendini Pietro, via Benedetto Croce, 22 ; Metruccio Giovanna, viale dello Stadio, 41; Marchello Mariano, via Machiavelli; Pennetta Salvatore, viale Oronzo Quarta, 36; Mannara Alam Shafiul, viale dell'Università, 97; Politi Maria, via Imperatore Adriano, 31; Botti Andrea, via Lequile; Paiano Daniele, viale Gioacchino Rossini, 80. Per questa gara non sono validi gli abbonamenti e le tessere stagionali. Il diritto di prelazione sul posto occupato dagli abbonati durante la stagione è scaduto oggi alle 13.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecce-Pisa, oltre in 20mila per continuare a sognare

LeccePrima è in caricamento