rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Contro la sua ex squadra

Vigilia di dubbi per Baroni: per la formazione anti Reggina tutti sulla corda

Per Baroni non si tratta solo di decidere se far giocare Coda dall'inizio. Dopo due gare ravvicinate e un gran dispendio di energie si prende qualche ora in più per decidere la formazione di partenza

LECCE - Alla vigilia di Lecce-Reggina, valevole per il 16esimo turno del campionato di serie B, il tecnico dei giallorossi, Marco Baroni, non ha ancora sciolto i dubbi relativi alla formazione. Lo ha riconosciuto in conferenza stampa, oggi dopo la rifinitura, precisando che non si tratta solo di decidere se far giocare Coda dal primo minuto oppure no: "Dopo due gare ravvicinate, mi prendo qualche ora in più per fare delle valutazioni sull'intera rosa. Ho tenuto tutti sulla corda perché devono essere pronti per una partita complicata e piena di insidie. Deciderò la formazione domattina".

L'allenatore fiorentino è alla costante ricerca della cura dei dettagli, decisivi in un campionato come quello cadetto. Per questo è prodigo di indicazione e, se necessario, anche di rimproveri, per i suoi ragazzi come accaduto con Gendrey nel secondo tempo della partita di Ferrara, quando il francese si è intestardito in uno slalom finendo per perdere poi la palla: "Si tratta di un ragazzo molto giovane, che sta lavorando e migliorando. In alcuni momenti bisogna usare più la testa e meno le gambe. Ha entusiasmo, ha corsa e in quel momento doveva scendere con meno frequenza ma con più qualità. Poi in quella fase si era lasciato un poco trasportare da alcuni contrasti che Guida giustamente non aveva sanzionato, quindi ho cercato di fargli capire che in certe fasi bisogna pensare di più".

Baroni ha commentato anche il dato recente relativo ai gol fatti dai centrocampisti, Majer con la Ternana e Gargiulo a Ferrara: "Devono lavorare in quel senso. Il gol è la testimonianza del lavoro che io chiedo loro di fare. La squadra deve pensare a fare un calcio di idee, di movimento e per il nostro 4-3-3 i centrocampisti sono importanti".

Conosco il gruppo, non stanno facendo male, anzi. Spesso in questa categoria si perde per episodi. Domani troveremo una squadra di valori importanti, dovremo fare una grandissima prestazione per avere la meglio". Il tecnico fiorentino ha quindi gestito con molto fair-play il nodo della sua separazione dalla Reggina proprio per rispondere alla chiamata del Lecce, separazione che la sponda amaranto ha mal digerito: "Sono arrivato lì in una fase delicata e insieme al mio staff abbiamo dato il massimo e raggiunto l'obiettivo. Posso solo spendere parole più che positive". 

Per la gara di domani Baroni ha convocato 23 calciatori: mancano all'appello Tuia, Paganini e Vera. Calcio d'inizio alle 16.15.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia di dubbi per Baroni: per la formazione anti Reggina tutti sulla corda

LeccePrima è in caricamento