Lo scontro diretto è della Samp. Rocchi salva Bonazzoli da un rosso diretto

Al Via del Mare vincono gli ospiti per 2 a 1. Tre i rigori accordati dall'arbitro: Ramirez e Mancosu non sbagliano. I giallorossi hanno poche opzioni e troppi calciatori in condizioni non ottimali

Il rigore di Ramirez che Gabriel riesce solo a deviare.

LECCE – Pesante sconfitta per il Lecce che, in casa, cede il passo a una Samp cinica ma evidentemente agevolata nel suo compito da Rocchi che nel primo spezzone di gara non sanziona un calcione di Bonazzoli sul volto di Donati: un gesto intenzionale, da vecchia volpe del calcio, con gamba e collo del piede rigidi e lanciati in un movimento innaturale di apertura a cercare l'avversario, anch'egli rovinato a terra dopo il corpo a corpo. Si chiama fallo di reazione, sic et simpliciter.

Anche il secondo rigore concesso ai blucerchiati per un contatto tra Paz e Depaoli è frutto, in realtà, di una interpretazione personale più che di una coerente applicazione di una norma di regolamento e, francamente, non si comprende come il Var, il signor Pasqua, non abbia quanto meno invitato Rocchi a rivedere l'azione nemmeno in questa circostanza.

I padroni di casa, da parte loro, si sono senza dubbio complicati la vita con un paio di distrazioni: i penalty per i blucerchiati sono arrivati su dinamiche molto simili, con una fase difensiva da parte dei giallorossi compassata e leggera nel lasciar correre troppo la sfera. Dazio ha pagato anche il centrocampo: Barak non è al meglio, la sua presenza è tangibile ma manca lo sprint, Mancosu è generoso ma provato dagli impegni ravvicinati mentre Tachtsidis rimane segnato dal fallo su Jankto che porta al primo gol doriano. L'attacco è invece adattato, senza calciatori di ruolo e il tema delle assenze è cruciale per questa squadra che dopo la lunga interruzione per l'emergenza sanitaria si è ritrovata spuntata e in condizioni fisiche precarie.

Primo tempo

Il Lecce scende infatti in campo con Falco e Saponara sulla linea più avanzata. La difesa è schierata a cinque, con Donati che affianca Paz e Meccariello al centro della difesa. Al 5’ Ramirez invoca il rigore per una presunta spinta di Paz, Rocchi lascia correre. Al 7’ Meccariello colpisce bene di testa su cross di Falco, ma Audero respinge e la sfera termina in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner, dopo una sbilenca respinta di un doriano, Donati si ritrova il pallone all’altezza del vertice dell’area piccola ma calcia fuori con il piatto del piede destro.

Gli ospiti si fanno vedere con Bonazzoli che al 10’ approfitta di una indecisione difensiva e prova a scavalcare Gabriel. Poi l'episodio che in un certo senso orienta il match: Donati rimane a terra, sanguinante al naso, quando Rocchi gli ha già fischiato fallo nel tentativo di anticipo su Bonazzoli, non ravvisando però successivamente alcun colpo proibito dell'attaccante. Dalle immagini televisive si ha subito un’altra impressione, ma dalla sala Var non arriva nessun rilievo.

Bonazzoli, graziato, prova la rovesciata al 35’ ma l'unica cosa apprezzabile e lo slancio. La gara scende un poco di tono e i blucerchiati passano in vantaggio al 40’: Tachtsidis commette fallo da rigore su Jankto, più lesto a cercare la sfera dopo una respinta corta. Ramirez tira dal dischetto, Gabriel respinge sulla traversa con la mano di richiamo ma la sfera dopo il rimbalzo sulla linea termina in rete.  

Secondo tempo

Nella ripresa Liverani passa alla difesa a quattro, con Donati accanto a Paz, e schiera Petriccione per Tachtsidis e Babacar per Meccariello mentre Ranieri inserisce Gabbiadini per Bonazzoli. Al 49’ il Lecce si riporta sotto: Saponara si fionda su una palla contesa in area e subisce il netto fallo da parte di Thorsby. Mancosu non sbaglia dagli undici metri e raggiunge la doppia cifra in serie A.

Il Lecce è rinfrancato e prova a rovesciare le sorti del match: prima Falco impegna Audero, poi Babacar guadagna un corner con una conclusione deviata. La Samp si rende pericolosa in contropiede e Gabriel respinge in tuffo un bel tiro a giro di Gabbiadini. Liverani si gioca la carta Farias al 68’: il brasiliano prende il posto di Falco ma il Lecce inizia a sentire la stanchezza. Gli ospiti, che praticano un calcio semplice e speculativo, ne approfittano e tornano in vantaggio al 70’ con un altro rigore: il difensore cerca il pallone quando forse potrebbe contenere il tentativo di liberarsi al tiro, ma il contatto che ne deriva non appare falloso. Rocchi non sente ragioni e Ramirez supera Gabriel con minori difficoltà della prima volta. Viera prende il posto di Ekdal e Murru quello di Augello: sono sostituzioni che danno l'idea di come sia diverso, in questo momento, il livello qualitativo tra le due rose.

Al minuto 81 Shakhov entra per Saponara che accusa un problema muscolare: insomma, in casa Lecce piove sul bagnato. Leris rileva Jankto: è questa l'ultima sostituzione di Ranieri. I giallorossi hanno un'ottima occasione con Barak all’86' ma il ceco, all’altezza del dischetto, non riesce a trovare l’angolo giusto: Audero blocca la sfera. Di fatto si tratta dell'ultima opportunità per i padroni di casa. Vera entra per Calderoni ma dalla corsia sinistra non arriva quella spinta aggiuntiva che servirebbe. Al Lecce resta una riserva di volontà ma non gambe e qualità e così la Sampdoria gestisce senza troppi affanni i sette minuti di recupero che la proiettano a 29 punti, più quattro sui giallorossi. Per il Lecce ora il cielo si fa davvero denso di nubi. 

Il tabellino di Lecce-Sampdoria 1 a 2

LECCE: Gabriel; Rispoli, Donati, Paz, Meccariello (46' Babacar) Calderoni (88' Vera); Barak, Tachtsidis (46' Petriccione), Mancosu (cap.); Saponara (81' Shakhov), Falco (68' Farias). A disposizione: Vigorito, Sava, Radicchio, Monterisi, Colella, Maselli, Rimoli. Allenatore: Liverani.

SAMPDORIA (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello (76' Murru); Depaoli, Thorsby, Ekdal (76' Viera), (cap.), Jankto (84' Leris); Ramirez; Bonazzoli (46' Gabbiadini). A disposizione: Seculin, Falcone, Chabot, Askildsen, La Gumina, Maroni, D'Amico, Bertolacci. 

Arbitro: Rocchi di Firenze; assistenti: Passeri di Gubbio e Lo Cicero di Brescia; quarto ufficiale: Illuzzi di Molfetta; Var: Pasqua di Tivoli; assistente Var: Di Vuolo di Castellammare di Stabia

Marcatori: 40’ e 70’ Ramirez (rig.), 50’ Mancosu (rig),

Ammoniti: 36’ Paz, 58’ Augello, 67’ Mancosu, 77’ Thorsby, 90’ Bereszynski

La 29esima giornata

Risultati; Torino-Lazio 1 a 2; Genoa-Juventus 1 a 3; Bologna-Cagliari 1 a 1; Inter-Brescia 6 a 0; Lecce-Sampdoria 1 a 2; Fiorentina-Sassuolo 1 a 3; Spal-Milan 2 a 2; Verona-Parma 3 a 2; giovedì: Atalanta-Napoli, Roma Udinese

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Classifica: Juventus 72, Lazio 68, Inter 64, Atalanta 57, Roma 48; Napoli 45, Milan e Verona 42, Cagliari e Parma 39, Bologna 38; Sassuolo 37; Torino e Fiorentina 31; Sampdoria 29; Udinese 28; Genoa 26; Lecce 25; Brescia e Spal 18

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Costringe il figliastro sordomuto a praticargli sesso orale: arrestato

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Scontro frontale fra auto e ambulanza: un ferito d’urgenza in ospedale

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

  • Covid, dieci casi registrati in Puglia. Sette nella sola provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento