Sport

Per il Lecce tutto facile contro il Taranto. Il Foggia vince anche a Caserta

Dopo venti minuti di noia, Lepore sblocca il risultato su rigore, poi il raddoppio di Torromino e Doumbia nella ripresa. La squadra di Stroppa ipoteca la promozione diretta

Il gol di Torromino (foto Chilla).

LECCE – Vittoria senza grandi sforzi per il Lecce che supera per 3 a 0 un Taranto modesto. Per i giallorossi non c'è ancora la certezza matematica del secondo posto (più 11 sul Matera a quattro giornate dalla fine della stagione regolare) che vale l'accesso al secondo turno dei play-off, mentre il Foggia vincendo agevolmente a Caserta – seconda vittoria consecutiva fuori casa – ipoteca la promozione diretta che ora è poco più che una questione di matematica: sono sempre sei i punti di vantaggio sui salentini, penalizzati anche da scontro diretto e differenza reti.  

Primo tempo

Lepore in campo dal primo minuto a comporre con Torromino e Caturano il tridente d’attacco. Spazio anche ad Arrigoni. Dopo 20 minuti senza sussulti il Lecce guadagna un calcio d’angolo, batte Lepore e l’arbitro fischia un calcio di rigore per fallo di mano di Nigro nel tentativo di contrastare Giosa. Sul dischetto il capitano, che realizza spiazzando Contini.

Al 27’ il raddoppio con Torromino che ribadisce in rete un passaggio basso di Tsonev che attraversa tutta l’area piccola. Al 32’ gran conclusione di Costa Ferreira dal limite, ma Contini si supera. Nell’azione successiva il primo tiro del Taranto, con Lo Sicco, ma la sfera termina abbondantemente oltre la traversa.

L’esposizione di uno striscione contro il gasdotto Tap produce l’applauso del pubblico del Via del Mare, resta la contestazione a Padalino anche se in maniera meno veemente delle due precedenti giornate in casa. Al 44’ Lepore potrebbe realizzare la sua seconda marcatura: il cross di Torromino viene deviato e finisce sul destro del capitano leccese che al volo lambisce il palo alla destra di Contini.

Secondo tempo

In avvio di ripresa tra gli ospiti c’è Sampietro al posto di Balzano, Nigro retrocede sulla linea dei difensori come centrale. Il Lecce sfiora il terzo gol ancora con il suo numero 10, servito sotto porta da Caturano, ma la conclusione di Lepore viene smorzata dall’intervento di un difensore.

Al 55’ mister Ciullo richiama Paolucci e inserisce Viola. Al 58’ Perucchini nega la marcatura agli ospiti respingendo un rigore in movimento di Magnaghi, favorito da una carambola involontaria. Al minuto 60 Doumbia rileva Torromino. Al 65’ dentro Maimone per Tsonev. All’80' Magnaghi ci riprova ma questa volta il tiro è fuori dallo specchio e Perucchini deve solo controllare la traiettoria. Due minuti dopo il Lecce completa la sostituzioni con Fiordilino per Arrigoni. Su cross di Lepore arriva il terzo gol dei giallorossi: imperioso lo stacco di Doumbia e colpo di testa che non lascia scampo a Contini.

Anche Caturano cerca gloria ma la sua conclusione a botta sicura, all’89’ è respinta da un avversario. Il Taranto con orgoglio ci prova fino alla fine, quando Perucchini deve volare alla sua sinistra per deviare in corner un tiro di Lo Sicco. Sabato prossimo il Lecce sarà impegnato a Matera.

Il tabellino di Lecce-Taranto 3 a 0

LECCE (4-3-3): Perucchini; Vitofrancesco, Cosenza, Giosa, Ciancio; Tsonev (65’ Maimone), Arrigoni (82’ Fiordilino), Costa Ferreira; Lepore (cap.), Caturano, Torromino (60’ Doumbia). A disposizione: Beve, Chironi, Agostinone, Marconi, Pacilli, Drudi, Monaco, Muci, Fiordilino, Mengoli. Allenatore: Padalino

TARANTO (4-3-3) Contini; Balzano (46’ Sampietro), De Giorgi, Magri, Pambianchi (cap.); Lo Sicco, Nigro, Maiorano; Paolucci (55’ Viola), Magnaghi (85’ Cobelli), Potenza. A disposizione: De Toni, Boccadamo, Russo, Pirrone, Guadalupi, Cecconello. Allenatore: Ciullo

Marcatori: 24’ Lepore (rig.), 27’ Torromino, 83’ Doumbia.

Ammoniti: 22' Nigro, 28' Torromino, 81' Perucchini

Arbitro: Fourneau. Assistenti: Zancanaro e Rotondale

Spettatori: 10764 di cui 1522 paganti e 9242 abbonati

Risultati: Fondi-Messina 1 a 1, Juve Stabia-Matera 1 a 2; Lecce-Taranto 3 a 0; Casertana-Foggia 0 a 3; Akragas-Paganese 1 a 2; Vibonese-Ctania 1 a 1; Reggina-Catanzaro 1 a 0; V.Francavilla-F.Andria 0 a 2; Cosenza-Siracusa (ore 18.30); Monopoli-Melfi (ore 18.30) 

Classifica: Foggia 77; Lecce 71; Matera 60; Juve Stabia 54; Siracusa 51; V.Francavilla 50; Cosenza 48; Casertana, Fidelis Andria, Paganese 45; Catania 43; Fondi 42; Messina 39; Reggina 38; Akragas 35; Monopoli 33; Catanzaro 32; Vibonese 31; Taranto 30; Melfi 29.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per il Lecce tutto facile contro il Taranto. Il Foggia vince anche a Caserta

LeccePrima è in caricamento