Venerdì, 23 Luglio 2021
Sport

Tra il Lecce e il record di vittorie, l’insidia si chiama Tritium

Per la terza partita casalinga, i giallorossi ospitano i lombardi di Trezzo sull'Adda. Formazione neopromossa, ha un solo punto in classifica ma una gara in meno. Lerda non si fida e chiede ai suoi la massima concentrazione

Da www.tritium1908.it

 

LECCE – La linea di condotta di mister Franco Lerda è chiara, per certi versi irreprensibile. Alla vigilia del match che potrebbe valere il record di vittorie consecutive – cinque – è vietato lanciare lo sguardo oltre il prossimo ostacolo perché la concentrazione deve essere esclusivamente sull’avversario di turno che, domani - in una domenica che si preannuncia tipicamente estiva - avrà un nome latino, Tritium (da Trezzo sull’Adda) e l’entusiasmo di una neopromossa senza troppi timori reverenziali.

Un punto in classifica, ma con una partita in meno rispetto al Lecce (avendo riposato nell’ultimo turno di campionato), i lombardi hanno perso di misura la gara d’esordio, in casa, contro la Virtus Entella (2 a 3), per poi cedere il passo anche al San Marino, in trasferta  (3 a 1). Nell’ultima gara disputata al “Brianteo” di Monza (dove gli abduani disputano i match casalinghi) prima del turno di riposo, il derby contro il Como, l’undici di Paolo Bertani – che viene del settore giovanile del Milan - è riuscita finalmente a muovere la classifica, sebbene avrebbe meritato di conquistare i tre punti.

La stop forzato ha consentito ai biancoazzurri di lavorare sodo durante gli allenamenti: dal punto di vista atletico stanno tutti bene, meno Roberto Bortolotto, un attaccante, che accusa un problema al menisco. L’allenatore della Tritium, che è di scuola milanista, alla prima esperienza in Lega Pro, è riuscito subito a dare un’impronta riconoscibile e gradevole al calcio giocato dalla sua formazione, anche se è stato lo stesso Bertani, in settimana, a dire chiaramente che al Via del Mare l’atteggiamento sarà più prudente, finalizzato alla compattezza tra i reparti e alle ripartenze in contropiede. “Da metà campo in su hanno qualità e gamba”. Questa la radiografia fatta dal tecnico del Lecce nella conferenza stampa della vigilia.

Lerda potrebbe confermare la squadra scesa in campo a Treviso, dunque con De Rose e Tomi sin dall’inizio. Privo di Jeda e Giacomazzi – e lo sarà ancora per qualche settimana – il tecnico piemontese non ha troppe alternative, soprattutto per il reparto avanzato. Foti sta raggiungendo a ritmi serrati una condizione che possa garantirgli una tenuta accettabile sulla distanza, ma intanto si gode la fama di guastatore: ogni volta che entra lui, per il Lecce la partita diventa in discesa. Prima convocazione per il centrale brasiliano Govea Vinicius e per il portiere Marco Bleve, dal momento che Petrachi è indisponibile. Lecce-Tritium sarà arbitrata da Claudio Lanza, della sezione di Nichelino.

I convocati del Lecce.

Portieri: Benassi, Gabrieli, Bleve.

Difensori: Vinicius Govea, Vanin, Legittimo, Diniz, Esposito,Tomi, Di Maio.

Centrocampisti: De Rose, Zappacosta, Bogliacino, Memushaj, Palumbo, Chiricò.

Attaccanti: Foti, Pià, Di Mariano, Malcore, Falco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra il Lecce e il record di vittorie, l’insidia si chiama Tritium

LeccePrima è in caricamento