Sabato, 12 Giugno 2021
Sport

Per Lerda e il Lecce pericolo Casertana: fiducia nel riscatto sulla spinta dei tifosi

Domani al "Via del Mare", con inizio alle 14.30, in programma un match di grande importanza per i giallorossi dopo la sconfitta di Messina e prima delle due trasferte contro Juve Stabia e Salernitana: Miccoli out, torna Abruzzese, Lopez squalificato

Franco Lerda a Messina.

LECCE – Senza Lopez né Miccoli e quasi certamente con Abruzzese dal primo minuto, il Lecce cerca contro la Casertana il riscatto dopo l’inopinata sconfitta di Messina. Le squadre scenderanno in campo al “Via del Mare” alle 14.30 sotto la direzione di Valerio Colarossi.

Franco Lerda e il Lecce si giocano molto contra la formazione guidata da Angelo Gregucci, reduce da quattro vittorie consecutive dopo due pareggi e una sconfitta. La caduta sullo Stretto ha lasciato strascichi e malumori, soprattutto nella tifoseria: sono circolate nuovamente voci di dissapori tra il tecnico e una parte dello spogliatoio.

Alle indiscrezioni i giallorossi hanno risposto con una cena di gruppo, voluta dal capitano, e soprattutto – ha detto oggi Franco Lerda in conferenza – con una settimana di lavoro molto intenso nella quale il tecnico ha colto la concentrazione e la determinazione necessari per placare ogni dubbio a suon di prestazione e risultato: “Ho molta fiducia nel gruppo, mi aspetto una risposta significativa dal punto di vista motivazionale”.

Il tecnico è anche tornato sulla nefasta giornata di sabato scorso, sottolineando l’importanza del fattore ambientale: “In casa sentiamo una pressione che ci fa star bene, ci porta ad essere attenti e lucidi. In occasione delle due sconfitte subite (Lupa Roma, Messina, ndr) abbiamo perso quella sana paura che ti fa fare meglio ogni cosa”.

L’auspicio è che l’adrenalina possa scaricarsi al punto giusto, senza diventare paralizzante. Sia l’allenatore che la squadra sono consapevoli della posta in palio: i tre punti pesano tanto, anche in considerazione delle due trasferte - a Castellammare di Stabia e a Salerno - che seguiranno il match di domani. La vetta dista ‘solo’ quattro punti ma il Lecce è receduto da otto compagini: una sconfitta diventerebbe quindi difficile da gestire.

Lerda ha detto di aver trascorso i giorni scorsi senza timori per la sua panchina, ma pensando solo a far bene il proprio lavoro: “Qui sono stato esonerato quando ero primo, ora che abbiamo diverse squadre davanti cosa volete che vi dica? Io non sono cambiato rispetto all’anno scorso o a due mesi fa. La mia forza è il carattere, l’ho detto ai ragazzi. Si lavora e si va avanti, compatti”.

Contando dunque sul ruolino di marcia interno – tre vittorie – e sul sostegno del pubblico, il Lecce si prepara ad un confronto di alto livello per la categoria: “La Casertana gioca bene in entrambe la fasi, Gregucci le ha dato un’impronta molto netta in fase di non possesso. Dovremmo badare alle marcature preventive quando attacchiamo, perché hanno giocatori molto veloci come Cissè e Diakite. Ma possono anche attaccare in manovra, in mezzo al campo dispongono di elementi esperti come Carrus e Rajcic”.

I convocati

Portieri: Caglioni, Petrachi. Difensori: Abruzzese, Carini, Donida, Martinez, Rullo. Centrocampisti: Carrozza, Filipe Gomes, Lepore, Mannini, Papini, Rosafio, Sacilotto, Salvi. Attaccanti: Della Rocca, Cuppone, Doumbia, Mascardelli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Lerda e il Lecce pericolo Casertana: fiducia nel riscatto sulla spinta dei tifosi

LeccePrima è in caricamento