Sport

Lecce, il vice presidente frena il malcontento: “Guardiamo i numeri”

Il dirigente prende atto dei mugugni dei tifosi, ma chiede di restare uniti

Corrado Liguori ad Andria (foto Chilla).

LECCE – Il vice presidente dell’Us Lecce, Corrado Liguori, risponde con i numeri al malcontento dei tifosi che sul web non si sono risparmiati nel bollare come deludente e incolore la prestazione dei giallorossi nel derby di Andria, terminato con il risultato di 0 a 0.

Il match è stato condizionato da un terreno di gioco molto pesante e sono stati i padroni di casa a sfiorare la marcatura in tre circostanze: per due volte Perucchini è stato tempestivo, in un’altra è stata la traversa a salvare i leccesi che, di contro, non hanno mai impegnato l’estremo avversario.

Anche ieri è parso evidente che uno dei principali deficit risiede nello scarso sostegno alla fase offensiva fornito da Legittimo e Lepore che per disposizioni tattiche, e soprattutto in trasferta, si devono preoccupare prima della copertura difensiva. Con una spinta spesso velleitaria e comunque sporadica dalle corsie esterne, Surraco fa fatica trovare sponde e diventa maledettamente complicato servire Moscardelli e Curiale in maniera adeguata. I due attaccanti, invece, sono spesso costretti a voltare la schiena alla porta avversaria e risalire il campo per ricevere palla.

Per molti tifosi il Lecce non sa esprimere un gioco apprezzabile e sul banco degli imputati finisce l’allenatore. Ma proprio da Piero Braglia è partito il ragionamento che ieri, alla fine della gara, Liguori ha affidato alla sua pagina facebook: sette vittorie, una sconfitta, quattro pareggi, questo il bottino del tecnico da quando ha rilevato Antonino Asta. Otto con quello di ieri i risultati utili consecutivi.

Il vice presidente ha anche ricordato che il rendimento esterno della squadra è secondo solo a quello del Matera. Di contro c’è da sottolineare che in casa invece il Lecce si fa precedere da Casertana, Cosenza, Benevento e Foggia. Non solo: Liguori ha fatto notare che di tutte le squadre di vertice, solo i giallorossi disputeranno più gare in casa che in trasferta e ha chiesto ai supporter salentini, nel rispetto delle critiche, di avere pazienza e rimanere uniti attorno alla squadra, nella consapevolezza che il cammino verso l’obiettivo della promozione non è agevole né per il Lecce né per le altre compagini che hanno ambizioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecce, il vice presidente frena il malcontento: “Guardiamo i numeri”

LeccePrima è in caricamento