Sorpresa in extremis: Lucioni in campo da subito, squalifica ridotta

Il difensore centrale, fermato nello scorso autunno per un controverso caso di doping, può ripartire proprio da Benevento, dove è stato il capitano

Lucioni, a sinistra, nel giorno della presentazione.

LECCE - Può ripartire proprio da Benevento, dove fino all'anno scorso ha indossato la fascia di capitano, la storia calcistica di Fabio Lucioni, difensore centrale passato alla corte del Lecce nel mercato estivo.

La squalifica di un anno per doping, infatti, è stata ridotta. Il termine originario sarebbe stato la metà di ottobre: ad aprile scorso il tribunale nazionale di arbitrato sportivo aveva respinto l'ultimo ricorso ma Saverio Sticchi Damiani, presidente del club salentino e legale di Lucioni in tutta la vicenda, non si è perso d'animo e nel tardo pomeriggio di oggi ha finalmente inserito sul suo profilo facebook un breve quanto eloquente messaggio che è stato poi confermato:

"Abbiamo lavorato duro ed in silenzio, senza mai smettere di crederci... Caro Fabio, dopo tanta sofferenza, si torna a giocare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per mister Liverani e per tutti i tifosi giallorossi si tratta di una ottima notizia: sebbene al calciatore manchi il ritmo partita, il suo inserimento potrà essere molto più rapido. Proprio questa mattina il presidente del Lecce ne parlava come del miglior difensore centrale in circolazione in serie B. Quello di Lucioni è stato un caso di doping controverso: ha pagato l'applicazione di uno spray cicatrizzante, contenente uno sostanza vietata, dopo uno scontro di gioco. Il medico sociale del Benevento era stato squalificato per quattro anni, mentre per il calciatore, pur essendo stati esclusi sia il dolo che la colpa grave era stata confermata la squalifica di un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento