Per Mancosu non bastano gli aggettivi: "Devastante la risposta dei nostri tifosi"

Il capitano del Lecce, che a San Siro ha giocato lo spezzone finale di gara, punta a ritrovare una maglia da titolare: "I 90 minuti si ritrovano solo giocando"

Marco Mancosu.

LECCE - Marco Mancosu, da buon capitano, è pronto a riprendere per mano il suo Lecce dal primo minuto. Dopo lo spezzone di gara giocato a San Siro contro l'Inter, a partita oramai compromessa, il calciatore sardo punta a ritornare a vestire la maglia da titolare. La fase di preparazione atletica estiva è stata in parte vanificata dai postumi di un trauma distorsivo al ginocchio destro che si trascinava da Lecce-Spezia, ultimo match dello scorso campionato, e poi di un affaticamento al polpaccio dell'altra gamba, ma ora il peggio è alle spalle.

"I 90 minuti si acquisiscono solo giocando - ha precisato ai cronisti in conferenza stampa prima dell'allenamento odierno -. Sono un po' più indietro, è normale, ma non ci posso far niente".  Il debutto a Milano ha lasciato un pizzico di amarezza, per quanto si sapesse di una gara ad handicap per il Lecce: "Mi fa male perdere 4 a 0, anche con l'Inter. Non bisogna rassegnarsi nemmeno contro le grandi, perché la salvezza magari passa da qualche punto rosicchiato a questo tipo di squadre. Come la sconfitta dell'anno scorso contro il Genoa in Coppa Italia, ci ha fatto capire che se non ci mettiamo tutta l'attenzione del mondo, andiamo incontro a partite del genere. Però abbiamo fatto anche bene, siamo stati bene in partita per venti minuti con buone soluzioni". 

Il capitano è consapevole del fatto che la probabilità di un suo impiego diventa più alta con il ricorso al "tradizionale" 4-3-1-2 di Liverani: "Da centrocampista, in posizione di trequartista posso dare un poco più di equilibrio, magari mi ricordo di alcuni movimenti che non sono propri di un attaccante". I guai fisici gli hanno impedito per diverse settimane di lavorare con i compagni, ma il peggio è alle spalle e la conoscenza è oramai a buon punto. Dei nuovi arrivati, Mancosu si è detto ben impressionato da tutti, ma colpito in particolare da due: "Lapadula mi ha sempre dato l'impressione di uno che avesse fame e me lo sta confermando. Mi piace molto anche Shakhov, è molto  inquadrato, molto italiano per la cultura del lavoro che ha, per la dedizione che ci mette ogni giorno".

Mancosu è legato al Lecce fino al 2022, ma quasi si schernisce pensando a una prospettiva così lunga: "Bisogna continuare a far bene, se sono qui oggi significa che mi sono comportato in un certo modo ma questo non significa che abbia dei bonus o dei tappeti rossi sotto i piedi. Potrebbe essere ancora una lunga storia, dipende tutto da me".

Domenica sera al Via del Mare sarà di scena l'Hellas Verona, un'altra neopromossa. Mancosu agli scaligeri ha già fatto male: nella partita di andata realizzò nel secondo tempo il gol del 2 a 0 con un fendente da fuori area di rigore: "Quella è stata una delle serate più belle vissute qui a Lecce perché allora ho preso davvero coscienza del salto di categoria, dalla seria C alla B".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E adesso, in A, un nuova storia da scrivere. Con l'entusiasmo di un pubblico che si preannuncia molto numeroso (circa 22mila gli spettatori, ad oggi, tra abbonati e paganti), il Lecce può iniziare il suo viaggio verso la salvezza: "La piazza è questa, mi chiedevano di tornare in A già quando eravamo in serie C. La promozione nella massima categoria è arrivata e la risposta dei tifosi è stata devastante, anzi, se esiste un aggettivo migliore di devastante usatelo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento